Fabio Fazio è sempre più vicino all'addio dalla Rai. Il conduttore ha detto senza mezzi termini che se vuole trattenerlo l'azienda pubblica deve dimostrarlo concretamente: "Ragazzi, di più non si può fare! Io le ho tentate tutte per rimanere. Adesso fate voi…". Parole chiarissime, anche se pronunciate con un sorriso sardonico sulle labbra.

In tutto questo ci sono le polemiche sull'ipotesi di un tetto ai compensi per gli artisti Rai, che Fazio come altri suoi colleghi hanno ritenuto inaccettabile; e poi le sirene di una possibile offerta proveniente da La7, che con l'ingaggio di Andrea Salerno in qualità di direttore generale potrebbe fare un importante cambio di passo nella prossima stagione.

Il punto delle divergenze tra il conduttore e la Rai non sembrano essere solo quello i soldi, per quanto l'ingaggio di Fazio sia importante (2 milioni di euro a stagione). Tutto gira proprio attorno alla polemica del tetto ai compensi per gli artisti, criticato sia da parti interessate che disinteressate, perché colpevole, qualora dovesse essere applicato, di creare chiare disparità sul mercato e di penalizzare l'azienda in maniera assoluta.