È partita la missione per l’Ucraina finanziata con una raccolta fondi attivata dalla 16enne Carla Bartoli di Favara (Agrigento). Porterà in salvo mamme e bimbi in fuga dalla guerra. Un bus carico di aiuti percorrerà quasi 3mila chilometri per raggiungere la città di Lublino.

Favara per l’Ucraina, il pullman è partito

La cittadina di Favara, in provincia di Agrigento, si è subito attivata per rispondere all’appello di solidarietà della giovane Carla. Attraverso una campagna di crowdfunding, ha lanciato una raccolta fondi per raccogliere denaro a sufficienza per una missione di umanitaria in Ucraina.

Sono bastati pochi giorni per raggiungere la cifra (che è anche stata superata). Adesso un bus carico di generi alimentari, prodotti per l’igiene personale e coperte è in viaggio: percorrerà 2.813 chilometri per arrivare a Lublino.

A bordo c’è la mamma di Carla, Florinda Saieva: «Sono stati giorni di grande partecipazione e solidarietà, nonostante le mille cose da fare e burocrazie varie, non ci siamo mai sentiti soli», racconta Carla sui social. E aggiunge: «Molti mi hanno fatto i complimenti, ma i veri complimenti vanno ad ognuno di voi, senza ogni singolo gesto, una piccola donazione, un sorriso… tutto ciò non sarebbe stato possibile. Sarà un viaggio indimenticabile e la gioia di poter portare in salvo donne e bambin* ci ripagherà di ogni fatica fisica».

Il bus siciliano salverà donne e bambini

Florinda Saieva ha spiegato che tanta roba è rimasta in magazzino, per motivi di spazio: «L’abbiamo conservata e verrà utilizzata per provvedere ai profughi durante la loro permanenza a Favara. A Lublino ci aspetta una comunità di donne e bambini e qualche anziana. Dopo aver scaricato i viveri destinati a chi non ha più niente, porteremo queste persone a Favara dove le famiglie sono già pronte ad accogliere».

Sono circa 50 i profughi che verranno portati in salvo in Sicilia. Andrea Bartoli, marito di Florinda, papà di Carla e patron della Farm Cultural Park, racconta: «Florinda, insieme ai volontari, ha caricato il pullman. Noi resteremo qui per organizzare la logistica dell’accoglienza ed ospitalità e nel fine settimana, salvo inconvenienti, tutta Favara sarà pronta ad accogliere nel migliore dei modi i nostri amici dell’Ucraina».

Giovanni Patti, dell’autolinea che gestisce il pullman partito, ha aggiunto: «Percorreremo tutta l’Italia fino al Brennero, attraverseremo Austria, Repubblica Ceca e Polonia e giungeremo a Lublino, dove ci attendono per accogliere gli aiuti umanitari e caricare circa 50 persone da portare in salvo».

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati