Raccoglie 10mila euro per portare i profughi in fuga dalla guerra in Ucraina in Sicilia. Arriva dalla provincia di Agrigento questa storia di solidarietà, che si aggiunge alle tante iniziative in corso in questo momento nella nostra regione. La promotrice è un’adolescente, Carla Bartoli.

Studentessa siciliana raccoglie 10mila euro per l’Ucraina

Carla ha lanciato la sua raccolta fondi attraverso la piattaforma GoFundMe. L’obiettivo era di 9mila euro, ma è stato ampiamente superato. «Da quando è iniziata questa guerra – scrive la giovane studentessa – non nego che vivo un po’ nel timore, e anche nel profondo sconforto. Vedere tutte le manifestazioni però, e sentire tantissime persone che si sentono indignate da questa situazione mi ha restituito speranza».

Da qui l’idea: «Con l’aiuto dei miei genitori mi sono informata con un’agenzia che si occupa di viaggi, chiedendo il prezzo per un bus, disposto a raggiungere il confine ucraino per portare un po’ di gente qui in Sicilia: il prezzo è di 8.000 euro. Confrontandomi con la mia comunità, ho scoperto con stupore che tantissime famiglie sono disposte ad ospitare queste persone, specialmente donne e bambini».

Un bus porterà i profughi in salvo in Sicilia

Carla Bartoli è figlia di Andrea, fondatore della Farm Cultural Park di Favara. Andrea Bartoli, commentando l’iniziativa, aveva scritto: sui social: «100 donazioni in 24 ore. Molte di 5, di 10 euro. Di tantissimi giovani. Per portare un autobus in Ucraina e poi di nuovo indietro a Favara con donne e bambine. Brava Carla, sei una forza della natura».

In pochi giorni l’obiettivo è stato raggiunto. Un’ulteriore dimostrazione del grande cuore della Sicilia, che sta facendo il possibile per aiutare quanti fuggono dalla guerra in Ucraina.

In tutta la ragione, sono davvero tante le iniziative a supporto dei profughi. Tanti siciliani sono disposti ad aprire le porte delle loro case, ospitando chi ha bisogno, e si moltiplicano le raccolte di medicinali e tutto ciò che può essere utile in questo momento.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati