Novità in arrivo per 14 stazioni siciliane, oggetto di un Piano di manutenzione straordinaria del valore complessivo di circa 12 milioni di euro. I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana hanno presentato il progetto all’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone: tutti i dettagli.

Dodici milioni di euro per le stazioni siciliane

Ben 14 stazioni ferroviarie della Sicilia – tra Palermo, Messina, Catania e Siracusa – si rifanno il look. Sono, infatti, oggetto di un nuovo Piano di manutenzione straordinaria, presentato da Rete Ferroviaria Italiana. I tecnici hanno partecipato al tavolo tecnico con l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone.

«Sono state finalmente accolte le nostre numerose e costanti richieste – ha spiegato Falcone – volte a restituire decoro e funzionalità ad alcune delle stazioni più frequentate e ad altre in fase di rilancio, dell’intero asse metropolitano di Messina fino a Palermo, Catania, Milazzo e Noto».

Quindi ha aggiunto: «Abbiamo lavorato a lungo per concretizzare questi interventi, così da restituire ai passeggeri dopo tanto tempo un contesto di efficienza e cura delle nostre stazioni, come avviene nel resto d’Italia».

Cosa cambierà a quali sono le stazioni ferroviarie

Il Piano ha un valore complessivo di circa 12 milioni di euro. Gli interventi previsti includono:

  • opere murarie
  • ripristino di intonaci degradati e dei percorsi tattili a tutela dei disabili
  • verniciature e pulizia di vetrate
  • rivestimenti ed elementi metallici
  • rimozione di graffiti
  • varie opere di mantenimento del decoro.

Gli interventi nelle stazioni siciliane

Per quanto riguarda gli interventi nel Messinese, sono incluse le seguenti fermate e stazioni siciliane: Messina centrale, Fiumara Gazzi, Contesse, Tremestieri, Mili Marina, Galati, Ponte Santo Stefano, Ponte Schiavo, San Paolo e Messina Giampilieri. Sono scali serviti dal sistema di trasporto integrato con ticket unico metroferrovia-bus-tram.

Il ticket unico è stato finanziato e avviato dalla Regione, di concerto con Trenitalia e Atm. «Quando a Messina abbiamo avviato il biglietto unico – ricorda l’assessore Falcone – avevamo preso l’impegno per la manutenzione delle stazioni. Impegno che oggi grazie a Rfi viene mantenuto, di fatto cambiando volto ai trasporti pubblici dei messinesi e rilanciando la mobilità sostenibile via treno, per abbattere traffico e inquinamento».

Per le stazioni di Palermo Notarbartolo e Milazzo sono previsti interventi più massicci. Per ciascuna delle strutture, infatti, la spesa prevista è di circa 5 milioni di euro. Si tratterà di interventi di ristrutturazione e ammodernamento. Nel Piano, inoltre, rientra la manutenzione delle stazioni di Catania Centrale e Noto.

«All’avvio di opere e servizi strategici come il Passante di Palermo, il collegamento via treno all’aeroporto di Fontanarossa e le linee turistiche nel Sud-est dell’Isola – conclude l’assessore Falcone – abbiamo voluto affiancare il recupero delle stazioni ferroviarie, passo dopo passo tornate a essere un punto di riferimento per la mobilità in Sicilia».

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati