ciclopiNella primitiva mitologia greca i tre Ciclopi Monocoli, Bronte (tuono), Sterope (fulmine) e Arge (lampo), sono figli di Urano e Gea, il Cielo e la Terra.

Il nome Ciclopi deriva dal greco kuklops = dall'occhio rotondo, proprio perché un solo un occhio di forma rotonda, si apre nel bel mezzo della fronte.

Devo ammettere che sono un po’ bruttini.

Sono i creatori del fulmine di Zeus.

I Ciclopi sono anche i fabbri degli dei, il direttore dei cantieri è Efesto, dio del fuoco, ai quali forniscono le armi.

I Ciclopi abitano la Sicilia e le Eolie nelle caverne sotterranee.

Ovviamente, per creare le armi, utilizzano incudine e martello ed i colpi delle loro incudini e il loro ansimare muove la terra e crea strani rumori, ed il fuoco della loro fucina esce fuori dalla cima dell’Etna. 

Di natura completamente diversa dai Ciclopi Uranidi sono i Ciclopi Omerici. A differenza dei figli di Urano, vivono dediti alla pastorizia e isolati l'uno dall'altro nelle caverne dell'Etna. Il rappresentante più famoso è Polifemo, figlio di Poseidone. Di lui ne abbiamo parlato nella leggenda di Aci e Galatea ed è anche quello che scagliò otto pietre contro Ulisse quando scappò con i compagni asserendo di chiamarsi Nessuno (le otto pietre sono i faraglioni di Acitrezza). Proprio per quest’ultima performance il "grande" Polifemo ha vinto il premio Oscar come miglior attore non protagonista per il film "Odissea". Il film è composto da un cast d'eccezione: il celeberrimo Ulisse, la bellissima Penelope, il giovanissimo Telemaco ed i Proci (con la P). La Regia è di Omero, già vincitore di un Oscar per il colossal "Iliade", un film di guerra che ha ottenuto la statuetta come migliore sceneggiatura, migliore colonna sonora e miglior film straniero 

Al solito mi perdo…

Ma se in Sicilia discendiamo dai Ciclopi, perchè sono alta poco più di un metro e sessanta???