Il Museo Salinas di Palermo rinnova il classico concetto di museo, proponendo un ricco cartellone di eventi tra teatro, musica, danza e workshop. Il progetto Salinas Culture Hub è nato da una call che la struttura e CoopCulture hanno lanciato a novembre, per ricevere proposte legate al territorio, all’insegna di multiculturalità, memoria e sostenibilità.

Sono giunte ben 82 proposte, valutate da una giuria di esperti che si sono confrontati: ne sono state selezionate 14, che coinvolgeranno tutti gli spazi del museo e che sono in linea con la sua mission. Aprire il museo alla città, condividere gli spazi, progettare insieme: questi gli obiettivi.

Ecco i 14 progetti.

  • Teatro: “Le metamorfosi”, liberamente tratto dai tre libri di Ovidio nella messinscena di Sandro Dieli nella sala delle Metope (17 maggio); “Melodia primordiale” di Paola Pace (che lo interpreta) nell’Agorà, tratto da un inno omerico a Demetra e “Il ratto di Proserpina” di Ovidio. Percussioni di Sergio Calì (21 giugno).
  • Musica: “Vedere la musica” di Mario Bajardi, una performance sensoriale e uditiva di musica elettro-acustica, itinerante e coinvolgente nello spazio dell’Agorà. Video e danza (31 maggio).
  • Danza: “Il mito di Eos e Cefalo”, performance di Silvia Scalici, Davide Cannata, ispirata al mito riportato su una delle Metope del tempio di Selinunte, parte della collezione del Salinas. (14 giugno)
  • Workshop e incontri: “Drum Circle”, un intervento per 70 persone, a cura de La bottega delle Percussioni: un evento ritmico comune basato sull’improvvisazione su tamburi e percussioni di ogni genere. “La gestione dei Beni culturali” a cura di Salvare Palermo, tavoli tematici per 80 partecipanti con interventi di esperti di settore (28 giugno).
  • Maggio è il Mese del libro: in tutto il museo e nel chiostro, si parlerà di pagine, caratteri tipografici, restauro di beni librari, e di produzione editoriale tradizionale con l’Associazione Culturale Malicaratteri (24 maggio). E sempre nello stesso mese, nel bookshop, “Intersezioni, l’obiettivo racconta”, laboratorio creativo di scrittura di Gabriella Maggio, a partire dagli scatti del fotografo palermitano Nicola Scafidi, a cura della associazione Culturale Volo. Si partirà invece dalle metope per “Mimiamo il mito, visita al museo e laboratorio per bambini, a cura di Korai (4 maggio).