Il cuoco Alfio Fallica, residente in Francia ma originario di Paternò, è stato ucciso a coltellate nella cucina del ristorante in cui lavorava, nel Principato di Monaco. A commettere il delitto sarebbe stato Ricard Nika, cuoco 30enne, incensurato e di origini albanesi. Ai carabinieri che lo hanno fermato mentre vagava con i vestiti ancora sporchi di sangue, ha detto: «Ho commesso qualcosa di grave in un ristorante di Monaco».

Nika avrebbe colpito Alfio Fallica durante una lite, con vari fendenti sferrati con un coltello da cucina: l'omicidio sarebbe avvenuto in una cantina del ristorante "Pulcinella". Non sono ancora chiari i motivi del delitto: il 30enne, arrestato, non ha rilasciato alcuna dichiarazione.

In seguito all'omicidio, avvenuto quando nel locale non c'erano altre persone, Nika è salito a bordo del suo scooter ed è tornato a Bordighera, dove risidere da sempre. Qui è stato fermato dai militari, che hanno scoperto che aveva anche una ferita a un braccio, che si era procurato nel corso della lite con Fallica. Adesso si trova rinchiuso nel carcere di Imperia. 

Foto: La Sicilia