L’imprenditore agrigentino Salvo Moncada ha donato 100mila euro all’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento, per l’acquisto di 6 respiratori per i pazienti del reparto di Terapia intensiva.

“Stiamo vivendo tutti una situazione non felice, anche sul piano economico. Tuttavia, comprendendo la gravità di quanto sta accadendo, riteniamo sia giusto dare un concreto apporto di mezzi al nostro territorio per contrastare le conseguenze collegate alla diffusione del virus – ha scritto, in una nota, Salvatore Moncada – .

Solo se resteremo uniti, non lasciandoci prendere dallo sconforto e soprattutto, solamente se sapremo comprenderci gli uni con gli altri, dimostrando spirito collaborativo e ponendo in essere atteggiamenti rispettosi nei confronti del prossimo, riusciremo a vincere questa battaglia contro un nemico invisibile, che fa paura, ma che può certamente essere sconfitto applicando le direttive nazionali e regionali sulla prevenzione.

Solo così, saremo pronti qualora la situazione dovesse diventare critica. Ci auguriamo che questo gesto possa essere da esempio – prosegue la nota stampa del gruppo Moncada – per tutte le altre realtà imprenditoriali che, trovandosi nella condizione di poterlo fare, contribuiscano a rendere più attrezzate e fornite le strutture ospedaliere del territorio agrigentino, consentendo alle stesse di fronteggiare al meglio l’emergenza mediante un aumento della capacità assistenziale”.

“Sono ore di emergenza in cui ogni gesto di generosità ha un valore enorme – ha detto il sindaco di Agrigento,Lillo Firetto -. Ringrazio in particolare l’imprenditore Salvatore Moncada, che ha offerto 100.000 euro per l’acquisto di 6 respiratori che saranno disponibili già dalla fine del mese in corso. Inoltre ha offerto la disponibilità di posti letto della foresteria di Porto Empedocle per eventuali esigenze di quarantena così come il vicino Palazzetto dello Sport per altre emergenze”.