La Rappresentante di Lista lancia l’idea di un concertone per raccogliere fondi per la popolazione colpita dalla guerra in Ucraina. Veronica Lucchese e Dario Mangiaracina hanno invitato i colleghi artisti a unirsi a loro, attraverso un tweet. L’iniziativa ha subito riscosso un grande successo, soprattutto tra i fan.

La Rappresentante di Lista lancia l’appello

«Un concertone per raccogliere fondi per i profughi e la popolazione colpita. Noi ci saremmo. Chi vorreste su quel palco? Colleghe, amici, musiciste, cantanti, facciamo qualcosa!». Bastano poche parole per fare partire una nuova gara di solidarietà a sostegno della popolazione colpita dalla guerra in Ucraina. A scrivere è La Rappresentante di Lista, il duo “siciliano a metà”, che ha conquistato il Festival di Sanremo con la sua “Ciao Ciao”.

Attraverso un tweet, Veronica e Dario hanno scritto: «Stiamo attraversando un momento di crisi e noi come artisti dobbiamo leggere il nostro presente e probabilmente abbiamo letto anche questa cosa, con la nostra canzone. Anche perché un amico che è stato in Ucraina ci ha raccontato che già mesi fa stavano ripulendo i rifugi contro le bombe – avevano spiegato alla stampa -. Quindi evidentemente non è una cosa scattata una settimana fa».

L’appello per i popoli colpiti dalla guerra in Ucraina

«Bisogna stare uniti quando manifestiamo – avevano aggiunto -, bisogna ritrovarsi per condividere dei temi che sono fondamentali per l’essere umano: la pace, dire no alla guerra e no alle armi. Il modo migliore è sentirsi vicini e non sentirsi soli, come probabilmente si stanno sentendo tanti nostri co-umani».

L’idea de La Rappresentante di Lista ha ricevuto molti consensi. I fan hanno risposto alla domanda del duo, taggando a loro volta tanti cantanti e gruppi. All’appello ha subito risposto Francesca Michielin, che ha scritto: «Io ci sarò!».

A Bologna, lo scorso venerdì, si è tenuta una manifestazione contro la guerra a cui ha partecipato, tra gli altri Gianni Morandi. Il cantautore si è esibito, con il brano “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones”. Il sindaco Matteo Lepore ha scritto in risposta al La Rappresentante, spiegando che «la città di Bologna è a disposizione».

Chissà se il concertone a sostegno della popolazione e dei profughi colpiti dalla guerra in Ucraina diventerà realtà. Quel che è certo è che, al momento, in tutto il mondo si moltiplicano le manifestazioni per la cessazione del conflitto e il ritorno della pace.

 

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati