Lapo Elkann arrestato e poi rilasciato dalla polizia di New York. Secondo quanto riportato dalla stampa, avrebbe simulato un sequestro, allo scopo di ottenere dalla famiglia 10 mila dollari, dopo aver speso tutto il contante con una escort. I due si sarebbero concessi due giorni di bagordi a Manhattan, consumando alcol e droga.

L'accusa, per Elkann, è di falsa denuncia. Fonti a lui vicine, interprellate dall'Ansa, hanno dichiarato di non avere alcun commento da rilasciare. Il nipote di Gianni Agnelli sarebbe arrivato a New York giovedì, per il giorno del Ringraziamento, e avrebbe contattato una escort di 29 anni (che secondo il Nwe York Daily News sarebbe una donna transgender): i due qvrebbero trascorso insieme due giorni di eccessi.

Finito il denaro, Elkann avrebbe inscenato il falso sequestro, raccontantando di essere trattenuto da una donna che gli avrebbe fatto del male se non le avesse dato 10 mila dollari. Un rappresentante della famiglia si sarebbe rivolto alla polizia, che avrebbe organizzato la finta consegna del denaro, bloccando i due. Gli investigatori avrebbero accertato che l'idea era stata dell'imprenditore, cui è stata consegnata una citazione davanti alla Corte.