La leggenda dell’anfiteatro di Catania è davvero molto particolare. Non è come le classiche leggende siciliane e, andando avanti con la lettura, vi renderete conto del perché. L’anfiteatro si trova nel centro della città. Non se ne conosce con esattezza la data di costruzione, ma si sa che si tratta di un monumento di età imperiale romana. Già a partire dall’epoca di Teodorico, cioè tra il 494 e il 526 d.C., si trovava in condizioni di abbandono, tanto che si chiese all’imperatore di utilizzarne le pietre come materiale da costruzione. Realizzato con pietra lavica e marmi, si estendeva per una circonferenza esterna di circa 300 metri: questo lo rendeva il secondo anfiteatro più grande al mondo, subito dopo il Colosseo. Diverse eruzioni dell’Etna ricoprirono l’area, che nel 1800 era del interamente chiusa. I lavori di scavo ebbero inizio nel 1905.

L’anfiteatro di Catania e la sua leggenda

L’anfiteatro di Catania ha accresciuto il suo fascino grazie ad alcune dicerie e leggende, come quella che vi raccontiamo oggi. Non vi sono testimonianze certe, però si racconta che, intorno alla metà degli anni Ottanta, una scolaresca di scuola elementare, formata da 25 bambini e 4 maestre, si recò presso l’anfiteatro per una gita scolastica e scomparve misteriosamente. La scolaresca decise di visitare prima la parte visibile e poi la parte al di sotto del centro storico, poiché
ricoperta dalle colate laviche dell’Etna. Qualcosa di strano accadde agli studenti, che scomparvero senza lasciare traccia.

Nonostante le ricerche, nessuno fu mai ritrovato. A seguito dell’avvenimento, varie furono le ipotesi sulla scomparsa: c’è chi rimane scettico riguardo la vicenda, sostenendo che, data la forma ovale dell’anfiteatro sia impossibile non ritrovare la via d’uscita. Altri credono invece, che possano esistere una serie di cunicoli segreti, lunghissimi e simili a labirinti inestricabili capaci di mettere in comunicazione i due grandi edifici teatrali della città antica nei quali la scolaresca potrebbe essersi smarrita. Nonostante gli anni passati nessuno è ancora riuscito a risolvere il mistero e la leggenda dell’anfiteatro di Catania continua ad aleggiare tra le credenze popolari.

Articoli correlati