Proclamato ad Acireale il lutto cittadino, dopo il ritrovamento, avvenuto nella sera del 4 marzo, del corpo di Enrico Cordella. Il giovane è la terza vittima della mareggiata che si è verificata nella frazione di Santa Maria la Scala il 4 febbraio. A trovare il corpo sono stati tre sommozzatori volontari, che hanno lavorato duramente insieme ai pescatori. Le ricerche ufficiali, infatti, erano state interrotte, come previsto da prassi in questi casi.

Il corpo di Enrico è stato localizzato a poche decine di metri dal lungomare di via del Mulino. Nella giornata di oggi, alle ore 15,30, si terranno i funerali nella Basilica Cattedrale e nella sede comunale verranno esposte le bandiere a mezz’asta. Si osserverà, inoltre, un minuto di silenzio negli uffici pubblici e nelle scuole.

I corpi delle altre due vittime, Margherita Quattrocchi e Lorenzo d’Agata, erano stati ritrovano poche ore dopo la tragedia. I tre si trovavano in auto.

«È doveroso – osserva il sindaco Stefano Alì – ringraziare i tre sommozzatori, Rosario e Nino Fichera e Giorgio Condorelli. Enrico è tornato a casa e sono certo di interpretare il sentimento di tutta la comunità cittadina, che in questi giorni si è stretta alle famiglie colpite da una tragedia che non dimenticheremo mai, proclamando il lutto cittadino nel giorno dell’ultimo saluto a Enrico Cordella».