Circa 6mila presenze a Terrasini per Macaria, il primo festival gastronomico dedicato alla cultura della pasta. Un fine settimana all’insegna del gusto e del divertimento: a essere premiata come migliore ricetta, la cacio e pepe con tartare di scottona.

Il miglior piatto di Macaria è la cacio e pepe

Tanti i partecipanti che hanno affollato il lungomare Peppino Impastato e Palazzo d’Aumale, per un evento che ha incluso anche tanta musica live, dal concerto di Dolcenera a quello di Mario Venuti. Dall’1 al 4 settembre Terrasini è stata cornice perfetta di Macaria, primo festival gastronomico dedicato alla cultura della pasta.

Le quattro giornate hanno visto più di 400 chilogrammi di pasta consumata e oltre 6mila presenze disseminate tra il lungomare Peppino Impastato e Palazzo d’Aumale, Museo Regionale di Storia Naturale e Mostra permanente del Carretto Siciliano, (location dove sono state organizzate alcune delle principali attività della manifestazione).

L’evento ha visto la partecipazione degli chef Gianvito Gaglio, Benedetto Buccheri, Francesco Piparo e Gaetano Verde e dei food influencer Le Cesarine, Ottavia Franchina e Vittorio e Gabriella di In Piatto.

La pasta più apprezzata in assoluto dal pubblico di Terrasini è stata la cacio e pepe con tartare di scottona di 49 Ganci meat &bistrot, di prossima apertura (prevista a fine mese) che si è aggiudicata la vittoria del contest “Migliore ricetta Macaria 2022”.

Il piatto ha battuto gli altri quattro competitor: i paccheri allo Scarpariello, con pomodorini gialli e rossi, mantecati con pecorino grattugiato e un’emulsione di basilico fresco di Friend’s Bar, le mezzemaniche rigate con spada e melanzane di Blu Ocean, le busiate con pesto alla trapanese e alalunga di Trazzera, e i cavatelli di pasta fresca con ragù di cernia di Casa Giglio.

“Bilancio ultra positivo per questa prima edizione – afferma Giuseppe Biundo, ideatore di Macaria – adesso l’obiettivo per il prossimo anno é accrescere il numero degli espositori e prolungare di almeno una giornata la manifestazione, farla crescere con pastifici e con ristoratori che vengono fuori dalla Sicilia“.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati