Continuano le iniziative di solidarietà della Maredolce Onlus di Ficarra e Picone, la cui causa è stata sposata anche da Stefania Petyx e Pif. I due attori hanno spiegato su Facebook che sono stati acquistati altri buoni di spesa solidale, del valore di 50 euro ciascuno.

“Siamo felici di comunicarvi – si legge su Facebook – che, grazie alle vostre donazioni, la Maredolce Onlus ha provveduto all’acquisto di altri 227 buoni di spesa solidale, del valore di 50 euro ciascuno per un valore nominale di 10.850 euro a fronte di un pagamento effettivo di 10 mila euro.

Ringraziamo gli Ard Discount ed Eurospin di Palermo, che hanno compreso la situazione, e hanno applicato uno sconto sulla fornitura della spesa. Ringraziamo inoltre tutti quanti, fra voi, che hanno già donato, e tra questi il Gruppo Mangia Aeroviaggi, che ha sposato la causa con entusiasmo.

Ricordiamo che le famiglie realmente bisognose sono state individuate dalla Croce Rossa Italiana, comitato di Palermo e da altre realtà di volontariato che agiscono sul territorio. Saranno loro stessi a distribuire i buoni di spesa solidale.

Chi volesse continuare a donare può farlo sul conto della Maredolce ONLUS presso Banca Etica:
IBAN IT09U0501804600000011532488
Oppure con Paypal tramite la mail: maredolceonlus@hotmail.it”.

Fortemente voluta da Salvo Ficarra e Valentino Picone, la Onlus Maredolce nasce all’inizio del 2013, con l’intento di occuparsi di progetti benefici legati soprattutto ai minori. Alla Onlus si devono diverse iniziative di solidarietà portate a termine nel territorio siciliano. A ottobre 2019 Stefania Petyx e Pif hanno deciso di sposare la causa della Onlus e si aggiungono a Ficarra e Picone, con l’intento di rafforzare e sostenere la creazioni di nuovi progetti di beneficenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati