Cosa si mangia per San Giuseppe in Sicilia? La ricorrenza del 19 marzo è da sempre molto apprezzata sulla nostra Isola ed è accompagnata da un preciso menù. I festeggiamenti per la festa del papà sono un trionfo di tradizioni. Alla base c’è un profondo sentimento religioso, cui si uniscono alcuni rituali indubbiamente più “profani“, legati alla buona tavola.

Cosa si mangia in Sicilia per San Giuseppe

La seconda metà di marzo è interamente dedicata alla festa San Giuseppe. La primavera in arrivo, che coincide con un periodo di rinascita della natura, vede in primo piano i frutti della terra. Tra altari e preghiere si allestiscono tavolate in cui trionfano verdure, legumi, minestre ma anche pani della tradizione con particolari forme artistiche e dolci deliziosi.

Il “Pane di San Giuseppe” è una pagnotta di farina di semola, arricchita dai semi di finocchio e segnata con un taglio a croce. Si benedice in chiesa e si distribuisce ai parrocchiani. In cucina si prediligono gli ingredienti di magro e si limitano i grassi animali.

Protagonista il pesce, che vede nella Pasta con le Sarde una perfetta celebrazione. Altra pietanza molto caratteristica è “u maccu“, cioè il macco, una crema di fave che si mangia così com’è o si accompagna alla pasta. Ne esistono diverse varianti, alcune anche con cardi e verdure selvatiche.

Un altro primo molto amato è la cosiddetta Minestra di San Giuseppe. Vengono utilizzate tutte le verdure che si hanno a disposizione e la pasta: un tempo, le famiglie siciliane che avevano ricevuto una grazia si riunivano, preparando grandi pentole di minestra da offrire ai bisognosi.

Dulcis in fundo, è proprio il caso di dirlo, arriva il culmine del menù di San Giuseppe: i dolci. Sfince e sfincette sono un piacere per gli occhi e per il palato. Sono soffici frittelle, farcite di crema di ricotta.

Da sempre la Festa di San Giuseppe è un momento di condivisione. In tante località della Sicilia, ancora oggi, si organizzano pranzi collettivi e condivisi, nati dalla devozione, che includono anche gli indigenti.

Sulla tavola dei siciliani non mancano tanti piatti tipici. Una prima peculiarità è quella dell’assenza di carne. Ci troviamo, infatti, nel periodo della Quaresima, che conduce alla Pasqua. Un momento di astinenza e riflessione. Conoscere cosa si mangia in Sicilia il 19 marzo è un modo per conoscere la Sicilia stessa.

Menu di San Giuseppe in Sicilia: i piatti

  1. Minestra di San Giuseppe. Si tratta di un buonissimo primo piatto, legato a una tradizione di solidarietà e condivisione. In occasione del 19 marzo, infatti, le famiglie siciliane che avevano ricevuto una grazia si riunivano, preparando grandi pentole di minestra da offrire ai bisognosi. Si prepara con verdure e pasta.
  2. Pasta co maccu, la deliziosa crema di fave. Si trova anche nella versione con cardi e verdure selvatiche.
  3. Pasta con le sarde e finocchietto, una vera delizia. L’autentica “mari e monti”.
  4. Pane di San Giuseppe. Quella del pane di San Giuseppe è una ricetta semplice, ma il significato di questo cibo è profondo. Ne esistono diverse tipologie, inclusa quella con i semi di finocchio.
  5. Sfince e sfincette. Non possono mancare loro, le sfince di San Giuseppe. Un dolce ricco, decorato, abbondante. La crema di ricotta è soffice e viene accolta dalla pasta fritta della sfincia. Una gioia per gli occhi e il palato!

Foto sfince: Nicola Giamporcaro; foto pasta con le sarde: Patrizio Zannelli; foto macco: Instagram @trepanche

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati