Minne di Sant’Agata, il dolce più famoso di Catania. Delle piccole “cassatine” di ricotta, ricoperte da una glassa candida e completate da una bella ciliegina candita. Quando si parla di dolci tipici catanesi, non si può non citare quello dedicato ad Agata, patrona della città, che si celebra il 5 febbraio. La storia e la ricetta del dolce catanese.

Cosa sono le Minne di Sant’Agata

Quando le si vede, si pensa subito a una cassatina, ma la storia è tutta diversa. La forma delle Minne di Sant’Agata (Cassatelle di Sant’Agata o Cassatine di Sant’Agata) ricorda quella di un seno di donna (in memoria del martirio della Santa). I festeggiamenti in suo onore ricadono si svolgono tradizionalmente dal 3 al 5 febbraio e poi ancora il 12 febbraio e il 17 agosto.

Sono dolci di forma semisferica, fatti con pan di spagna imbevuto di liquore e farciti con ricotta, gocce di cioccolato e canditi. All’esterno sono ricoperti di glassa bianca e rifiniti con una ciliegia candita in cima. La ricotta è fatta rigorosamente con il latte di pecora. Esiste anche una versione con un guscio di pasta frolla (ma qui è una questione di preferenze e ricette tramandate da una generazione all’altra.

La storia della Santa di Catania

Si narra che Agata fosse una bellissima giovane. Apparteneva ad una ricca e nobile famiglia di religione cristiana della città etnea. Il proconsole della città, Quinziano, dopo averla vista se ne invaghì  e la chiese in sposa. Nonostante avesse appena 15 anni, Agata aveva già deciso di consacrarsi a Dio, chiedendo i voti al Vescovo.

Rifiutò, quindi, la proposta di Quinziano. Questi, lungi da arrendersi, passò alle maniere forti: la fece incarcerare e torturare. Agata, però, non cambiò idea, anzi, rimase sempre più convinta della sua scelta. Le furono strappati i seni, che le ricrebbero dopo che ebbe una visione. Proprio per questo motivo, le Minne di Sant’Agata ne ricordano la forma.

Quinziano, allora, decise di metterla al rogo, ma fu allora che avvenne un tremendo terremoto. Agata fu riportata in carcere, dove morì il 5 febbraio del 251. Divenne così protettrice della città di Catania.

Il dolce ad ella dedicato si mangia soprattutto in concomitanza della sua Festa. Vanno solitamente servite a coppie, rafforzando dunque l’immagine che intendono rappresentare. La loro origine non si conosce nel dettaglio, ma pare che, già in epoca pagana si mangiassero.

Durante i culti dei misteri eleusini si preparavano dei panetti dolci, il cui aspetto ricordava il seno della dea Demetra, protettrice del grano. Oggi, al di là delle giornate di festa dedicate alla patrona, lo si trova tranquillamente tutto l’anno. Non è l’unico dei dolci dedicati alla Santa, poiché esistono anche le olivette di Sant’Agata, un dolce del tutto differente.

La tradizione delle “Minne” e dei dolci siciliani

Le Minne di Sant’Agata non sono l’unico dolce siciliano con questo nome. Avrete sicuramente sentito parlare anche delle Minne di Vergine, che si preparano a Sambuca di Sicilia. Questi due dolci non vanno confusi, poiché si tratta di prodotti completamente diversi. Quello di Sambuca, borgo dell’Agrigentino, è un dolce di frolla, ripieno di crema a base di latte. Non ha glassatura, bensì confettini colorati.

I dolcetti dedicati a Sant’Agata, invece, rientrano in quella dolce tradizione a base di crema di ricotta. I dolci siciliani alla ricotta sono sicuramente tra i più famosi e amati al mondo. Questo ingrediente viene sapientemente lavorato con lo zucchero e arricchito da cioccolato o canditi, diventando un goloso e irresistibile ripieno.

Quando si pensa ai dolci con la ricotta più buoni e, in generale, ai migliori dolci siciliani, è impossibile non citare cassata (classica e al forno), cannolo e cassatella. Cosa hanno in comune? Un ripieno delizioso!

Minne di Sant’Agata ricetta

Ingredienti

Per il pan di Spagna

  • 3 uova;
  • 60 g di farina 00;
  • 60 g di zucchero;
  • Scorza di mezza arancia grattugiata;
  • Un pizzico di sale;
  • 50 ml di rosolio.

Per la crema di ricotta

  • 300 g di ricotta di pecora (da mettere a scolare la sera prima, dentro un colapasta o un colino, nel frigo);
  • 80 g di zucchero;
  • 60 g di gocce di cioccolato;
  • 30 g di zucca, cedro e arancia canditi.

Per la pasta reale

  • 200 g di farina di mandorle;
  • 200 g di zucchero;
  • 50 ml di acqua.

Per la glassa e la copertura

  • 300 g di zucchero a velo;
  • 3 cucchiai di succo di limone;
  • 2 albumi d’uovo;
  • Ciliegie candite.

Procedimento

  1. Per fare le Minne di Sant’Agata, partite dalla crema di ricotta.
  2. É molto importante utilizzare una ricotta ben asciutta. Non dimenticate di metterla a scolare finché non avrà perso il siero.
  3. Al momento di preparare, setacciatela e mescolatela per bene in una terrina insieme allo zucchero.
  4. Aggiungete le gocce di cioccolato e la frutta candita.
  5. Per il pan di Spagna, dovete anzitutto unire le uova allo zucchero, alla scorza di mezza arancia grattugiata e a un pizzico di sale.
  6. Sbattete fino a ottenere un impasto molto chiaro e spumoso.
  7. Aggiungete poco alla volta la farina setacciata, amalgamando dal basso verso l’alto con cura.
  8. Versate l’impasto in una teglia imburrata e infarinata e cuocete in forno a 180°C.
  9. Aprite parzialmente lo sportello del forno e tirate fuori il pan di Spagna solo quando si sarà raffreddato quasi del tutto.
  10. Mettetelo su una griglia per farlo asciugare per bene.
  11. Per la pasta reale dovete sciogliere lo zucchero in un tegame insieme all’acqua fredda e portare a bollore.
  12. Spegnete il fuoco e aggiungetevi la farina di mandorle.
  13. Amalgamate bene fino a quando non avrà assunto una consistenza compatta, liscia e morbida e tenderà a staccarsi dalle pareti del tegame.
  14. Bagnate una spianatoia con dell’acqua e versatevi la pasta reale ottenuta.
  15. Quando questa si sarà intiepidita, lavoratela un altro po’ per renderla ancora più liscia e omogenea e stendetela con il matterello in una sfoglia spessa 3 mm circa.
  16. È il momento di assemblare le Minne di Sant’Agata.
  17. Foderate gli stampi semisferici con della pellicola trasparente e rivestiteli con la pasta reale.
  18. Farcite  con la crema di ricotta e tappate ciascuno con un dischetto di pan di Spagna spesso 5 mm, leggermente bagnato con il rosolio.
  19. Estraete delicatamente dagli stampini.
  20. Copritele con glassa preparata amalgamando gli albumi montati a neve e il succo di limone con lo zucchero a velo.
  21. Guarnite  con una ciliegia candita e fate riposare in frigo per almeno 30 minuti prima di servire.

Buon appetito! – Stefano MortellaroLicenza.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gaetano Loggia (@gaetano_loggia)

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati