Un’edizione del Monopoly dedicata alla città di Palermo. Ebbene sì, il celebre gioco da tavolo ha realizzato una versione speciale al capoluogo, con contenuti aggiuntivi e interattivi sui luoghi della città.

Monopoly Palermo, l’edizione speciale del gioco da tavolo

Dopo essersi dedicato ai borghi siciliani, dunque l’iconico gioco sceglie di omaggiare il capoluogo siciliano. L’edizione di Palermo ha scelto Le Vie dei Tesori come partner culturale. Per la prima volta nella storia del gioco, grazie a questa collaborazione, ci saranno contenuti culturali aggiuntivi, fruibili con QRcode, per conoscere meglio i luoghi della città.

Monopoly Palermo si propone come un percorso a tappe che, attraverso visite ed eventi speciali, porterà durante il Festival di ottobre alla scoperta del nuovo gioco. Parte del ricavato delle vendite sarà destinato a un progetto charity. La presentazione è in programma domani, mercoledì 29 giugno, alle ore 10, presso la Sala Giunta di Palazzo delle Aquile.

Già in passato, l’iconico gioco da tavolo aveva dedicato un’edizione alla Sicilia, in collaborazione con il club dei Borghi più Belli d’Italia. Da Sutera a Sambuca, da Ragusa Ibla a Sperlinga, un’occasione per conoscere veri e propri gioiellini.

Tra mare e montagna, si può vivere l’atmosfera dei tanti borghi siciliani, alcuni dei quali eletti “Borgo dei borghi”. Una versione del Monopoly decisamente realistica, considerato che c’è la possibilità per i giocatori di acquistare vecchie case da rimettere a nuovo.

In questo caso, dunque, non si costruisce “ex novo”, ma si ridà vita a un patrimonio già esistente. Si può scegliere se ristrutturare gli immobili o renderli alberghi diffusi. In Monopoly versione Sicilia non si costruiscono, dunque, i celebri hotel del gioco da tavolo, ma si opta per una versione di ospitalità diversa e più affine ai luoghi.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati