La Sicilia riparte dalla Zona Gialla.

  • Riaprono Musei e Parchi Archeologici della Sicilia.
  • L’accesso segue regole che riguardano le ore e i giorni: tutti i dettagli.
  • Come prenotare per visitare i luoghi in sicurezza.

Da lunedì 17 maggio la Sicilia torna in zona gialla, dopo un lungo periodo di zona arancione, che ha visto (e in parte vede ancora) anche diversi comuni in zona rossa. Un momento che l’Isola vive come una vera e propria rinascita, che coincide con il ritorno della bella stagione. C’è sicuramente più voglia di stare all’aria aperta, naturalmente senza abbassare la guardia, e di tornare a esplorare il territorio siciliano. Con il cambio di fascia riaprono musei e parchi archeologici della Sicilia. L’accesso sarà consentito nelle ore e nei giorni indicati nelle pagine web dei singoli luoghi e per ragioni di contingentamento viene sempre regolato attraverso un apposito sito web, che si può raggiungere cliccando qui. Prenotare è molto semplice: raggiungendo il sito, si può scorrere l’elenco dei siti che si possono visitare, nonché i giorni e gli orari disponibili. Le visite del sabato e dei giorni festivi devono essere prenotate con almeno un giorno di anticipo.

Riaprono musei e parchi archeologici della Sicilia

«Abbiamo lavorato tanto per restituire ai visitatori luoghi della cultura rinnovati e servizi migliorati. Stiamo ancora lavorando – sottolinea l’assessore dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – per rendere i siti della Sicilia ancora più attrattivi. E’ un processo sul quale da il governo regionale sta impegnando risorse e mezzi, a conclusione del quale la complessiva situazione dei luoghi della cultura potrà migliorare in modo evidente. Un lavoro che ha visto impegnati, in un processo costante, i direttori dei Parchi archeologici e dei Musei e I soprintendenti della Sicilia. A tutti loro il mio ringraziamento perché, con il loro lavoro e l’impegno di tutto il personale, stanno rendendo possibile una rivoluzione che porterà i nostri siti ad essere moderni e competitivi». Foto: Sun Catcher.

Articoli correlati