I Nacatuli Eoliani sono dolcetti tipici dall’aspetto scenografico e dal sapore delizioso. Non tutti lo sanno, ma le isole Eolie possiedono un prezioso patrimonio gastronomico, che trova una delle sue massime espressioni proprio nei biscotti e nelle paste legate alle festività invernali. In particolare, i Nacatuli sono legati alla festa dell’Epifania.

Belli e buoni, sono i Nacatuli Eoliani

Con questo nome, in Sicilia si intendono biscotti tipici ripieni. Si trovano come Nacatoli, Nucatoli, Nucatali, Nacatula o Nucatili… mille nomi, per una bontà. Fanno parte della lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani e sono diffusi un po’ in tutte le province, con le dovute differenze. Da Agrigento a Ragusa, da Siracusa a Caltanissetta, passando per Trapani ed Enna.

Questo viaggio alla scoperta della pasticceria siciliana ci porta anche in provincia di Messina, dove assaggiamo i Nacatoli Eoliani. Si tratta di scenografiche frolle, aromatizzate con la Malvasia delle Lipari. Sono formate da sfoglie di farina, uova e strutto.

All’interno, vengono farcite con uno squisito impasto di mandorle, zucchero, cannella e mandarino. Sono buonissime ma, anzitutto, bellissime. Per la rifinitura si utilizzano pinzette, forbicine e altri utensili. Ognuno ha la propria tecnica e i propri segreti. Li decora con foglie, fiori e trame belle come merletti. Sono come opere d’arte.

L’arcipelago eoliano, nel corso dei secoli, è stato terra di tanti popoli, tra cui Greci, Fenici e Romani. Ciascuno di essi ha portato importanti novità e generi alimentari: dal vino alle mandorle, per arrivare fino agli agrumi. Quei prodotti sono la base della cucina che ancora oggi apprezziamo, che ci ha regalato anche i Nacatoli Eoliani. Siamo certi del fatto che non vediate l’ora di mettervi con le mani in pasta: prepariamoli insieme.

Ricetta dei Nacatuli Eoliani

Ingredienti

Per l’impasto

  • 1 kg di farina 00;
  • 150 g di strutto;
  • 150 g di zucchero;
  • 2 uova intere;
  • 2 tuorli;
  • 1 bicchiere di Malvasia delle Lipari.

Per il ripieno

  • 1 kg di mandorle spellate;
  • 800 g di zucchero;
  • 150 ml di succo di mandarino;
  • 50 ml di liquore al mandarino;
  • Scorza di due mandarini grattugiata;
  • 1 cucchiaino di cannella.

Procedimento

  1. Per fare i Nacatuli Eoliani, si inizia dall’impasto.
  2. Impastate la farina setacciata con lo zucchero, lo strutto ammorbidito e a pezzetti, le uova.
  3. Aggiungete la Malvasia fino a ottenere una pasta liscia e omogenea, che sia anche consistente.
  4. Create una palla e avvolgetela nella pellicola trasparente.
  5. Fatela riposare in frigo per almeno 1 ora.
  6. Nel frattempo, occupatevi del ripieno.
  7. Tritate le mandorle con lo zucchero, la scorza dei mandarini e la cannella.
  8. Mettete il composto in una terrina e unite il liquore al mandarino, più il succo dei mandarini.
  9. Impastate con cura, ottenendo un composto omogeneo.
  10. A questo punto, stendete la pasta che ha riposato in una sfoglia sottilissima.
  11. Ricavate un numero pari di dischetti.
  12. Mettete un po’ del ripieno al centro di ogni dischetto e coprite con un altro disco.
  13. Sigillate intorno con le dita e rifilate i bordi con una rotella dentellata.
  14. Pizzicate e intagliate la superficie dei vostri dolcetti, abbellendola come più vi piace.
  15. Cuocete in forno a 180°C per circa 20 minuti: dovranno dorarsi leggermente.

Buon appetito! – Foto di Ji-Elle – Opera propria, CC BY-SA 3.0.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati