A Terrasini è di nuovo tempo della mostra ““Intorno al presepe… idee, emozioni, sensazioni”, alla sua undicesima edizione, la cui inaugurazione ed apertura al pubblico è prevista il prossimo  lunedì 6 dicembre alle ore 18:30, alla presenza di mons. Gualtiero Isacchi, arcivescovo di Monreale, e del sindaco di Terrasini, Giosuè Maniaci, e dei tre parroci di Terrasini, don Renzo Cannella, don Pino Ingrao, don Davide Rasa.

La mostra  “Intorno al presepe… idee, emozioni, sensazioni” XI Edizione

La Mostra dei Presepi è organizzata anche quest’anno  dall’Associazione “Intorno al presepe… idee, emozioni, sensazioni” con il patrocinio del Comune e in sinergia con la Pro Loco e sarà visitabile da martedì 6 dicembre 2022 a domenica 8 gennaio 2023. Si tratta di un’ occasione per contribuire al recupero, alla sopravvivenza e alla riappropriazione di una delle tradizioni popolari più sentite, sintesi di fede, memoria, storia, leggenda, arte, artigianato; un modo per collaborare con la Civica Amministrazione, la Pro-Loco e altre realtà associative locali nell’animazione socio-culturale del nostro paese, ritrovando e rafforzando il senso comunitario di ciascuno.

Il presepe come simbolo della gioia del Natale

“Un motivo – e lo affermiamo senza timore di esser tacciati di bigottismo o fariseismo – per soffermare la nostra attenzione su come il Presepe di Betlemme illuminasse l’oscurità di quella notte e fosse ragione di gioia intensa e profonda per quei pastori.In quella notte l’angelo del Signore annunciò loro: “Non temete, ecco vi annunzio una grande gioia che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore”.

Natale e gioia si identificano, si fondono. È la gioia la caratteristica più importante del Natale, ragione di umana speranza, offerta a tutti, nessuno escluso.Le ombre, le disuguaglianze sociali, la mancanza di lavoro, l’aumento delle povertà, le accresciute difficoltà della vita, i momenti difficili che stiamo attraversando, la perdita progressiva dei grandi valori, le paure legate alla pandemia, la tristezza e lo sconforto per le ben 59 guerre in corso nel mondo in questo momento (l’invasione russa dell’Ucraina è solo l’ultimo di un lungo elenco di conflitti) vengono rimosse dalla gioia del Natale e dai segni di speranza che ne scaturiscono. Si rinnovano la solidarietà e l’impegno nella ricerca di un nuovo mondo, fatto di pace, giustizia, fratellanza e umanità. Intenti, questi, condivisi con l’attiva partecipazione, il consenso, l’entusiasmo di numerosi concittadini, di molti abitanti nei paesi circostanti e nella vicina Palermo, delle locali scolaresche, che hanno partecipato alla Mostra degli scorsi anni” ci racconta Ino Cardinale, organizzatore della mostra.

Come partecipare alla mostra

La partecipazione (come sempre gratuita) è aperta a costruttori di presepi – tra cui, un particolare riguardo avranno gli alunni delle scuole – e a collezionisti, che troveranno a disposizione uno spazio per realizzare o esporre uno o più presepi. I presepi dei “collezionisti” dovranno essere affidati agli organizzatori della mostra e quelli dei “costruttori” allestiti a partire da sabato 26 c. m. e fino a sabato 3 dicembre.
Chi intende partecipare dovrà rivolgersi a: Mariella Giannola: 338.2156872; Franca Lo Nardo: 327.6540400 – 389.1166318; Salvatore Serra: 327.7629498.

Dove si svolgerà la mostra

La mostra si terrà nel salone del civico n. 28 di via Giuseppe Di Stefano (ubicato di fronte Villa San Giuseppe, tra via Roma dal lato dell’arco, e Piazzetta Titì Consiglio, sull’altro lato), di proprietà della Parrocchia Chiesa Madre, messo ancora una volta cortesemente a nostra disposizione. Anche quest’anno – in considerazione della riuscita esperienza fatta lo scorso anno –, lo spazio della Mostra sarà ampliato… “andando per Cappelle votive”: iniziativa che sarà realizzata in stretta collaborazione con la Pro-Loco, coinvolgendo proprietari, storici curatori, vicini di quei siti: in via Palermo, 21 – angolo via Gaetano Ventimiglia – con Madre Sant’Anna, che tiene sulle ginocchia Gesù Bambino (in mezzo a San Giuseppe e alla Madonna); in via Benedetto Croce (in fondo) con la Madonna delle Grazie; all’inizio di via Vittorio Emanuele Orlando (lato “Chiusa” o Villa a mare) con la Madonna della Provvidenza; in via Monteserrato (angolo via Giacomo Matteotti) con la Madonna nera col Bambino, ovvero: la Madonna del Mont Serrat in Catalogna. Inoltre, è in programma la pubblicazione di un volume-catalogo, contenente le foto dei presepi presentati, con nomi e cognomi degli espositori ed appropriate didascalie illustrative. Un modo tangibile per lasciare testimonianza (sia pur semplice) nella storia delle nostre comunità.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati