Successo per i luoghi della cultura siciliani nella Notte dei Musei. Nella serata di sabato 14 maggio sono stati oltre 10mila i visitatori che hanno scelto i parchi archeologici e i musei della Regione Siciliana.

Il successo della Notte dei Musei in Sicilia

Con l’ingresso al prezzo simbolico di 1 euro, era davvero difficile non approfittarne. Lo straordinario successo dei luoghi della cultura della nostra regione conferma l’interessa dei siciliani e dei turisti nei confronti del nostro patrimonio.

L’assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà, ha sottolineato come le iniziative come la Notte Europea dei Musei o gli ingressi gratuiti nella prima domenica del mese spingono verso una sempre maggiore sensibilizzazione all’arte e alla cultura.

«Stimolare e potenziare la conoscenza dei luoghi della cultura è importante per educare alla bellezza e alla riappropriazione della propria storia, di cui il patrimonio culturale è espressione tangibile», commenta.

I siti siciliani più visitati

Grandi numeri, quindi, che vedono svettare il Museo archeologico regionale A. Salinas di Palermo con 1739 ingressi, seguito dall’Ipogeo di piazza Duomo a Siracusa con 1.446 e dal Museo interdisciplinare di Messina con 1.170.

Subito dopo troviamo  Palazzo Mirto con 1.109 w  il Museo d’Arte moderna e contemporanea di “Palazzo Riso” con 800 ingressi, entrambi a Palermo. Seguono i 594 visitatori del Castello Maniace di Siracusa, i 584 della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, i 563 dell’area archeologica di Selinunte.

Sono stati 526 al Teatro Antico di Taormina, 400 a Siracusa, alla Galleria Regionale di Palazzo Bellomo, 340 al Museo archeologico Pietro Griffo di Agrigento.

L’area archeologica di Segesta si è attestata a 251 visitatori, mentre il Museo del Satiro di Mazara del Vallo ha fatto registrare 220 presenze. Nell’Area archeologica di Monte San Basilio (San Mauro) all’interno del Parco di Leontinoi sono stati registrati 190 ingressi e 189 alla Villa Romana del Casale.

Sono stati 120 i visitatori che hanno girato le sale del Museo archeologico eoliano “Bernabo’ Brea” e altrettanti quelli che si sono recati a visitare il Convento della Croce di Scicli.

Diverse decine di visitatori al Museo archeologico di Centuripe, a Palazzo Trigona Museo del territorio e della città di Piazza Armerina, nell’area archeologica e Antiquarium di Tindari.

Tra i luoghi scelti anche il Museo di Adrano e alle Mura Dionigiane, nel Museo Archeologico di Giardini Naxos, alla Villa Romana di Patti, al Museo archeologico di Aidone, a Palazzo Cappellani di Palazzolo Acreide, nell’Area archeololgica di Halaesa Arconidea e al Museo della Ceramica di Caltagirone e negli altri siti aperti per l’occasione.

Foto: Herbert FrankLicenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati