A partire dal 21 novembre 2017 saranno disponibili in Europa e in Italia i nuovi instant payments, che permetteranno di effettuare un bonifico in dieci secondi. Secondo quanto riportato da AdnKronos, questo tipo di pagamenti esistono già in altri Paesi, ma adesso il tutto sarà armonizzato a livello europeo. "Di certo è uno strumento utile, un'opportunità in più per l'utente – sottolinea Carlo De Masi, presidente di Adiconsum nazionale – mi viene in mente un genitore che ha un figlio che studia all'estero, ad esempio, che può trovarsi nella necessità di fargli avere subito qualche euro".

Rimane ancora da comprendere quali possano essere i costi e i rischi di questa tipologia di pagamento: le banche non si sono espresse in merito ai costi, rispetto al bonifico ordinario: "Potrebbero – spiega AdnKronos – far pagare in base al denaro che viene trasferito, oppure mettere un limite ai fondi che possono essere trasferiti con i pagamenti in tempo reale oppure scegliere dei clienti ai quali concedere questo sistema di pagamento".

"L'importante è che i costi siano ragguagliati alla tipologia del servizio – sottolinea De Masi – e auspichiamo che a questo punto i costi dei bonifici ordinari, che continueranno a essere i più utilizzati, si abbassino". "Ai consumatori ricordiamo solo – conclude il presidente di Adiconsum nazionale – che a differenza del classico bonifico, revocabile per qualche ora, questo sistema di pagamento come dice la parola stessa è istantaneo, quindi una volta fatto è fatto".