Nei prossimi giorni alcuni operatori di telefonia fissa e mobile si apprestano ad aggiornare i contratti. Occhio, dunque, alla bolletta, perché a seconda di ciò che si è sottoscritto, potrebbero arrivare sorprese. Vediamo insieme – operatore per operatore – cosa cambia.

TIM

Gli aggiornamenti entrano in vigore dal primo luglio e riguardano alcuni piani tariffari. A subire un aumento di 2,5 euro saranno le tariffe Voce senza limiti, Tutto senza limiti, Tutto, Tutto voce, Tim Smart, Smart e Internet senza limiti. Diminuzione di un euro per Tuttofibra, Tuttofibra plus e Internetfibra. 

Cambiano anche i costi di disattivazione: per disattivare linea fibra e le linee Solo Voce e ADSL si pagheranno 49 euro. Chi passa a un altro operatore pagherà 35 euro.

Tim ha spiegato: "Qualora i clienti interessati non intendessero accettare la variazione indicata, ai sensi dell’art. 70, comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche, hanno il diritto di recedere dal contratto o di passare ad altro operatore, senza penali né costi di disattivazione, dandone comunicazione entro il 30 Giugno 2018".

WIND

Gli aggiornamenti entrano in vigore dal 30 luglio. Aumentano di 2 euro, ma aumenta anche il traffico dati di All Inclusive Big 550 e Wind Smart. Aumenta di 2 euro, mantenendo gli stessi giga, All Inclusive Big. Anche in questo caso si può effettuare il diritto di recesso.

VODAFONE

Gli aggiornamento contrattuali sono scattati già dal 10 giugno.