L'ennesima email truffa sta circolando in rete in questi giorni. Il tentativo di raggiro è stato segnalato dalla Polizia di Stato.

Ecco come funziona la truffa dell'eredità:

Negli ultimi giorni è tornato di moda uno dei raggiri più diffusi su internet, quella della finta eredità da riscuotere. Ma in cosa consiste la truffa? Una e-mail proveniente dalla Gran Bretagna.annuncia la grande notizia: un uomo (sconosciuto, figuriamoci) è deceduto e per nostra fortuna non ci sono altri parenti che possano ereditare. E' quel giorno che ricorderemo per sempre, da oggi la nostra vita cambierà per sempre e siamo ad un passo dall'ingresso nell'esclusivo club dei milionari.Se il sedicente avvocato riceve risposta al messaggio esca, scatta la seconda fase del raggiro. Per prima cosa, sempre via mail, viene inviata alla vittima una credibile documentazione della parentela di questa persona sconosciuta con l'aspirante destinatario dell'eredità. Per rendere maggiormente credibile il tutto, l'avvocato dice di essere vincolato dalla volontà del caro estinto di dare il 20 percento della somma in opere di bene a suo nome. E siccome anche l'avvocato vuole guadagnarci qualcosa, ci spiega che i soldi rimanenti li potranno dividere al 50 per cento tra il parente e il legale. Lo step successivo è la richiesta di un contributo per spedire la documentazione. Qualche centinaio di euro, poca roba rispetto ai 15 milioni di sterline che il defunto avrebbe lasciato. L'ultimo passaggio è la riscossione delle "spese" da parte del legale che a quel punto scompare nel nulla.