Sulle pagine del britannico Guardian la ricetta del pesto pantesco, una deliziosa variante di pesto a base di capperi. Una preparazione semplice e, al tempo stesso, ricca di gusto, che esalta uno dei migliori prodotti della “Perla Nera“, un’isola della Sicilia dal fascino ancestrale.

Sul Guardian il Pesto Pantesco

“L’isola siciliana di Pantelleria si presenta come un cappero appiattito in mezzo al Mediterraneo“. Esordisce così Rachel Roddy, che firma sulle pagine del Guardian un articolo in cui celebra la cucina dell’isoletta attraverso un delizioso pesto. “Selvaggi e a proprio agio sul terreno vulcanico e sulla roccia, i cespugli di cappero sono piante favolose da guardare, che si distendono e si arrampicano ovunque, le loro foglie rotonde, carnose e lucenti che brillano al sole”, continua.

La giornalista ed esperta di food, prosegue il suo articolo sul Guardian con un vero e proprio elogio di questo prodotto e delle modalità di raccolta, rigorosamente a mano. Quindi spiega: “Sia i germogli che le bacche sono amari e non commestibili fino a quando non sono stagionati”.

Le ricette sono come storie, ruotano attorno a una delle due trame: un viaggio o uno sconosciuto che arriva in città”, racconta Roddy, che compie un vero e proprio viaggio gastronomico che parte da Genova e dal pesto più celebre, per arrivare a Trapani, dove si usano le mandorle al posto dei pinoli. Da qui a Pantelleria, il passo (anzi, la traversata!) è breve. Il consiglio è utilizzare il pesto pantesco con dei grossi fusilli, con le busiate, con gli spaghetti o le linguine.

La ricetta

Ingredienti

  • 5 pomodori maturi (circa 500 g);
  • 40 g di mandorle;
  • 1 manciata di foglie di basilico;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 1 manciata di foglie di prezzemolo;
  • 100 ml di olio extravergine d’oliva;
  • 1 cucchiaio colmo di capperi, sciacquati o ammollati;
  • 3-4 cucchiai di pecorino grattugiato o parmigiano;
  • Sale;
  • 500 g di pasta.

Procedimento

  1. Per fare il pesto pantesco, dovete anzitutto spellare i pomodori, immergendoli prima in acqua bollente per 60 secondi e poi sollevandoli in acqua fredda.
  2. A quel punto le bucce si staccheranno facilmente.
  3. Tagliate a metà ed eliminate i semi.
  4. Frullate le mandorle, l’aglio, il basilico, il prezzemolo e i capperi.
  5. Aggiungete l’olio e frullate ancora per qualche secondo.
  6. Ora avete due opzioni.  Per un pesto più omogeneo, aggiungete i pomodori e il formaggio al frullatore e frullate per unire. In alternativa, per una risultato più consistente, tagliate finemente la polpa del pomodoro e mescolatela con il formaggio nel mix di mandorle e aglio.
  7. Regolate di sale quanto basta.
  8. Cuocete la pasta al dente, scolatela e conditela.
logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati