Le pigne siciliane di ceramica sono un famoso simbolo dell’isola. Realizzate in tutte le dimensioni e di tanti colori, rappresentano una delle immagini della Sicilia più tipiche e sono sempre un regalo gradito. Ma qual è il significato della pigna siciliana?

Forse non tutti lo sanno, eppure questo semplice oggetto racchiude tanti bellissimi significati.

Anzitutto, diciamo subito che è un simbolo di salute e fortuna. Per questo motivo la si mette agli ingressi delle case, sui balconi, ma anche sulle facciate di chiese e conventi.

Giuseppe Pitrè ha spiegato che il pino si tiene in grande considerazione, probabilmente perché da esso deriva l’incenso per le funzioni religiose. “Raccogli una pigna, sguscia il frutto e taglia, in verticale, il gheriglio. Se tu vi guardi bene dentro, vedrai qualche cosa che somiglia ad una mano; è quella del bambino in atto di benedire“, ha scritto Pitrè.

La pigna è da millenni un simbolo prezioso. Per le antiche civiltà rappresentava l’eternità e l’immortalità. Si tratta, infatti, di un albero sempreverde ed è per questo che spesso è decorazione di chiese e cimiteri.

Gli abili ceramisti siciliani realizzano da sempre splendide pigne di ogni dimensione e colore. Questa tradizione nasce dall’usanza di realizzare pigne per ornare le testiere dei letti in ferro battuto, nelle camere da letto degli sposi. Un segno di buon augurio e di prosperità. L’abbondanza dei semi della pigna era simbolo di unione immortale e fertilità.

I significati delle pigne di ceramica siciliana non finiscono qui. Associandole alla resina e alla durezza del legno di pino, infatti, simboleggiano anche la resistenza, la forza e la capacità di sopravvivenza. Si ritiene che regalarle sia, in generale, un augurio di buona sorte.

Il significato delle pigne siciliane di ceramica è davvero interessante e profondo. Si tratta di un dono molto prezioso, che fa piacere fare, ma anche ricevere.

Articoli correlati