Come fare i Piparelli Messinesi.

  • Questi biscotti siciliani sono davvero irresistibili e profumati.
  • La ricetta non richiede uova né uova, né latte, né burro, ma include lo strutto, come molte preparazioni della tradizione siciliana.
  • Per farli, è necessario seguire con attenzione il procedimento, quindi leggete tutto con attenzione prima di mettervi ai fornelli.

Croccanti, con il profumo delle mandorle e degli aromi tipici della Sicilia. I Piparelli sono biscotti tipici del Messinese, che si possono accompagnare con il caffè, un bicchiere di vino liquoroso o anche un tè caldo. In origine venivano venduti sulle bancarelle, nel corso delle Feste Patronali. La loro preparazione è abbastanza laboriosa. Si cuocevano tradizionalmente per due giorni, dentro stufe fumanti, proprio come delle pipe. Potrebbe essere questa l’origine del nome anche se, secondo altri, si chiamano così per l’aggiunta del pepe nero all’impasto. La ricetta che trovate di seguito è di Viola Dante.

Ricetta Piparelli Messinesi

Ingredienti

  • 1 kg di farina 00
  • 300 g di zucchero
  • 300 g di mandorle
  • 200 g di miele
  • 200 g di strutto
  • 20 g di bicarbonato
  • 2 cucchiaini di pepe macinato
  • un cucchiaio di scorza di arancia grattugiata
  • 1/2 cucchiaino di cannella;
  • 2 chiodi di garofano macinati
  • acqua

Procedimento

  1. Per fare i Piparelli Messinesi bisogna anzitutto impastare la farina con lo zucchero, il miele, gli aromi, il cucchiaio di scorza di arancia, il pepe ed il bicarbonato.
  2. Iniziate ad amalgamare gli ingredienti, quindi aggiungete lo strutto, ammorbidito e a tocchetti.
  3. Quando l’impasto sarà omogeneo, aggiungete anche le mandorle.
  4. Create dei filoncini allungati con l’impasto e disponeteli su una teglia già coperta con carta da forno.
  5. La teglia va infornata nel forno preriscaldato a 180°C fino a fare diventare l’impasto dorato, ci vorranno tra i 15 e i 20 minuti.
  6. Sfornate e fate freddare giusto un po’: dovete, infatti, tagliare delle fette trasversali, spesse poco meno di un centimetro.
  7. Dopo averli tagliati, disponete i piparelli nuovamente sulla teglia e lasciateli raffreddare un altro po’.
  8. Infornateli nuovamente a 150°C e girate i biscotti a metà cottura in modo che possano asciugarsi definitivamente.
  9. Così avranno la loro caratteristica friabilità (solitamente sono necessari altri 15 minuti, quindi circa 7 per lato!). Un tempo questo processo di essiccamento veniva condotto in grandi stufe a legna fumanti come delle pipe.

Buon appetito!

Articoli correlati