Giovanni Meli Palermo, 6 marzo 1740 – Palermo, 20 dicembre 1815 Dopo aver frequentato le scuole dei gesuiti studiò filosofia e medicina. Nel 1766-1772 ebbe la condotta medica di Cinisi [Palermo]. Fu la stagione più feconda. Rilesse i poeti bucolici, meditò sulle pagine di Rousseau e degli enciclopedisti, inseguì i miti illuministici dell’uguaglianza sociale e della natura innocente scoprendo il …valore "naturalmente" poetico del dialetto. Tornato a Palermo con una fama consolidata di poeta e di scienziato, si dedicò all’ordinamento delle Poesie siciliane, di cui curò una edizione in cinque volumi (1787) e una in sei (1814) Li surci Un surciteddu di testa sbintata avia pigghiatu la via di l`acitu e facìa `na vita scialacquata cu l`amiciuna di lu so partitu Lu ziu circau tirallu a bona strada, ma zappau all`acqua pirchì era attrivitu e di cchiù la saimi avia liccasta di taverni e di zàgati peritu. Finarmenti Mucidda fici luca, iddu grida: Ziu!-Ziu! cu dogghia interna, sò ziu pri la rammaricu si suca, poi dici: Lu to casu mi costerna, ma ora mi cerchi? chiaccu chi t`affuca! Scutta pi quannu isti a la taverna!Visualizza altro

[Continua la lettura dell’articolo]