Il terzo weekend del mese di giugno sarà ancora all’insegna del caldo e dell’influenza dell’anticiclone africano Scipione. Le temperature saliranno, anche se alcune regioni vivranno una situazione meno “asfissiante” delle altre. Saranno giorni pienamente estivi, ma occhio al disagio bioclimatico: di cosa si tratta e le previsioni meteo fino al 19 giugno.

Previsioni meteo dal 17 al 19 giugno

Stabilità, sole e caldo: il fine settimana si preannuncia all’insegna delle condizioni estive, con un anticiclone di natura africana pronto a espandersi con decisione verso la Francia, l’Europa centrale e la regione alpina. Il terribile Scipione dominerà anche la scena in Italia, con un caldo molto intenso.

Secondo le previsioni meteo dal 17 al 19 giugno, tuttavia, alcune regioni potranno trovare un po’ di sollievo, grazie all’attivazione di una leggera ventilazione settentrionale più fresca. In generale, comunque, sarà un weekend all’insegna delle temperature estive, con condizioni stabili e molto sole.

Andando ancora un po’ più avanti nelle previsioni, inoltre, il nucleo più rovente della massa d’aria di Scipione, tra domenica 19 e lunedì 20 giugno, si sposterà verso l’Europa centrale, continuando a interessare anche gran parte del nostro Paese.

Quanto durerà, dunque, il caldo anomalo? Stando a queste prime proiezioni, anche la prossima settimana dovremo farci i conti (ma per avere maggiori certezze, bisognerà aspettare i prossimi aggiornamenti). Andiamo, nel frattempo, alle previsioni meteo dal 17 al 19 giugno.

Meteo del weekend

Domani, venerdì 17 giugno, il tempo sarà in prevalenza soleggiato. Velature al Nord e sulle regioni peninsulari, con nubi nelle ore più calde, intorno ai rilievi. Possibili piogge di calore nel settore appenninico e nelle aree interne adiacenti. Non ci saranno grandi variazioni per quanto riguarda le temperature massime. Le regioni più calde saranno quelle del Nord-Ovest e la Sardegna.

Sia sabato 18 che domenica 19 giugno saranno molto soleggiati, ma non mancherà nuvolosità sui confini alpini occidentali, sulla Sicilia e sulla Calabria, dove potrebbero verificarsi temporali di calore. In particolare domenica 19 giugno potrebbe insistere sulle Isole maggiori un debole Scirocco. In queste due giornate bisognerà prestare attenzione a un fenomeno chiamato disagio bioclimatico: di cosa si tratta.

Disagio bioclimatico, cosa è?

Il disagio bioclimatico si verifica quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate ad alti tassi di umidità, assenza di ventilazione e forti raggi del sole. L’insieme di questi fattori può portare disagi e rischi per la salute.

Qualora, ad esempio, l’umidità fosse elevata, il sudore potrebbe non evaporare con la necessaria rapidità, impedendo quindi al calore corporeo di essere eliminato efficacemente. A causa dell’esposizione prolungata a temperature elevate, si potrebbe andare incontro a colpi di calore, disidratazione, svenimenti e lievi disturbi.

Per quanto riguarda le temperature del prossimo fine settimana, secondo le previsioni meteo ci sarà da sudare soprattutto in Piemonte, Lombardia, Toscana, Umbria e Sardegna. In queste regioni i valori massimi potranno toccare anche il 36-37°C. Il caldo sarà meno intendo su tutta la fascia adriatica centro-meridionale e al Sud: qui ci si dovrebbe “fermare” intorno ai 32°C.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati