Allarme superbatterio alle isole Canarie: sono 13 i turisti colpiti tra gennaio e aprile, come rivelato dal Centro Europeo per il controllo delle malattie. Secondo gli esperti c'è il rischio che questo batterio si diffonda in Europa, qualora non venissero prese le necessarie misure sanitarie di prevenzione.

Il batterio è il Klesibella Pneumoniae St392, che si contrae solitamente durante i ricoveri in ospedale: dalle analisi è emerso che il batterio è stato contratto all'interno di una stessa struttura sanitaria.

"Se i soggetti portatori del batterio sono ricoverati in un ospedale nel loro paese di origine – avvertono gli esperti – c'è un alto rischio di ulteriori trasmissioni e focolai in altri Paesi Ue. Sopratutto se non vengono messe in atto adeguate misure di prevenzione e controllo delle infezioni".