Si rinnova anche quest’anno il Rito della Luce, che coincide con il Solstizio d’Estate. Dal 21 al 23 giugno appuntamento al museo-albergo Atelier sul Mare (Castel di Tusa) e alla Piramide – 38° Parallelo, sulla collina di Motta D’Affermo (ME) in contrada Belvedere.

Si tratta di un evento molto particolare e carico di simbologie, ideato dalla Fondazione Antonio Presti-Fiumara d’Arte. Giunto alla nona edizione, coinvolgerà poeti, filosofi, musicisti, danzatori, artisti e associazioni. L’obiettivo è dare alle nuove generazioni messaggi positivi, legati ai valori e alla speranza.

In occasione della manifestazione saranno realizzati numerosi mandala, bianco su bianco, da artisti, studenti e associazioni di volontariato. Danze, canti celebrativi e sonorità universali di musicisti e performer accompagneranno i visitatori durante il giorno, in un invito all’ascolto attivo, civile e spirituale, per diventare protagonisti del Rito.

Il Rito della Luce Sicilia si svolge ogni anno a giugno, nei giorni delle porte solstiziali, quando il sole trionfa sul buio, e chi partecipa sceglie consapevolmente una via, un cammino di luce. Il rito avviene nel parco della fiumara d’arte dove in questa sola occasione annuale la Piramide-38° Parallelo viene aperta per favorire al viaggiatore uno sguardo elevato e aperto sull’universo. Il rito si offre come parola di bellezza, come parola maieutica.

L’obiettivo annunciato dal fondatore della Fiumara, Antonio Presti, è “consegnare alle nuove generazioni l’opportunità di riunirsi ogni anno, in quei giorni d’estate, per scegliere ogni volta il trionfo della luce. Affinché – aggiunge Presti – il futuro si nutra del valore della bellezza universale nel suo assurgere a statuto di rito”.