Scoperta una superTerra dall’Osservatorio di Palermo dell’Istituto Nazionale di Astrofosica (Inaf). Si tratta di un pianeta roccioso e dalla massa sette volte maggiore rispetto a quella della Terra, scoperta intorno a una stella distante 26 anni luce da Laura Affer.

Affer è responsabile del programma Hades (HArps-n Red Dwarf Exoplanet Survey), una collaborazione italo-spagnola che da anni scruta il cielo alla ricerca di pianeti extrasolari, nell’ambito del progetto nazionale Gaps (Global Architecture of Planetary Systems).

“Sappiamo che è una superTerra e che ha una massa di circa sette masse terrestri, intermedia tra quella terrestre e quella di Nettuno”, spiega Affer. La superTerra e la sua stella sono abbastanza vicine: “a causa della piccola distanza reciproca, potrebbe verificarsi un meccanismo di rotazione sincrona”.

“Il pianeta, che impiega quindici giorni per completare la sua orbita, potrebbe quindi mostrare sempre la stessa faccia alla stella, così come fa la Luna nel suo moto attorno alla Terra”.

Il “nuovo” pianeta è stato chiamato Gl 686b e ruota intorno alla stella Gl 686, una nana rossa. Si trova a una distanza vicina a quella che permette l’esistenza di acqua liquida in superficie, considerata il primo presupposto per la vita. La scoperta è stata effettuata in seguito a quattro anni di osservazioni.