Assovini Sicilia: «Al Vinitaly l’isola celebra la sua varietà». L’associazione, che riunisce 89 tra i principali attori dell’enologia siciliana, sarà presente alla 54esima edizione della più importante manifestazione dedicata al mondo del vino, dal 10 al 13 aprile 2022.

La Sicilia protagonista al Vinitaly 2022

Saranno 41 le aziende che al Padiglione 2 del Salone Internazionale di Verona rappresenteranno la ricchezza e l’unicità vitivinicola di Assovini Sicilia. L’associazione, nata nel 1998, oggi riunisce 89 aziende e rinnova la sua partecipazione alla 54esima edizione di Vinitaly con l’obiettivo di promuovere e valorizzare la diversità del patrimonio enologico siciliano.

«È il Vinitaly del rilancio e della ripartenza», afferma Laurent de la Gatinais, presidente di Assovini Sicilia. «È un’edizione molto attesa e dall’appeal sempre più internazionale, con l’arrivo di 700 top buyer da 50 paesi e 4.400 aziende da 19 nazioni. Questo conferma come il settore del vino sia in crescita nonostante la pandemia e l’attuale situazione internazionale».

La produzione vinicola delle quarantuno aziende di Assovini Sicilia, presenti al Vinitaly, rappresenta gran parte delle indicazioni geografiche territoriali e le denominazioni della Sicilia.

In occasione del Vinitaly, insieme all’Assessorato regionale dell’Agricoltura, Assovini Sicilia ha organizzato la masterclass “Le piccole denominazioni virtuose della Sicilia”, condotta da Francesco Pensovecchio, direttore di Wine in Sicily. L’obiettivo è  valorizzare le piccole denominazioni e il legame tra vino e territorio.

“Il mondo ha sete di vino siciliano”

«Il mondo ha sete di vino siciliano. Di conoscere la sua biodiversità attraverso le sue cultivar autoctone che rappresentano il suo straordinario patrimonio vitivinicolo» – continua de la Gatinais.

Una Sicilia vitivinicola più in forma che mai. Regione capace di attrarre il mercato estero segnando un +13% nell’export dei vini nei primi nove mesi del 2021 (Wine Monitor-Istat). Sono oltre 103 milioni di euro esportati.

A questi dati, si aggiunge lo splendido risultato del Consorzio Tutela Vini Doc Sicilia. L’associazione ha chiuso il 2021 con 95,8 milioni di bottiglie certificate con tale denominazione, in crescita del 6% rispetto al 2020.

«La Sicilia del vino di qualità ha sempre dato il massimo al Vinitaly, esprimendo i propri valori distintivi: territori, vitigni, tradizioni ma anche innovazione, ricerca, capacità comunicativa e marketing».

«La nostra regione – sottolinea Lilly Ferro Fazio, vice-presidente Assovini Sicilia – torna a crescere più di prima, grazie ai tanti segnali positivi che generano fiducia e prospettiva dopo anni incerti e difficili».

Quindi conclude: «Il vino siciliano, con standard qualitativi sempre più alti e condivisi, esprime una capacità competitiva verso l’alto. Ora dobbiamo sentirci doppiamente coinvolti nel sostenere la ripresa della ristorazione in Italia e del turismo eno-gastronomico come fattori decisivi nella crescita dei prossimi anni».

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati