"Conducendo Selfie ho imparato molto sull'aspetto psicologico di un cambiamento estetico. Ho capito che della chirurgia plastica potevo farne a meno. Infatti non voglio fare più niente". Queste, tempo fa, le parole di Simona Ventura, che si si diceva pentita di aver fatto ricorso alla chirurgia plastica. Una confessione che la conduttrice ha ripreso nell'ultima puntata di Belve, in occasione di un'intervista con la giornalista Francesca Fagnani. 

"I ritocchini sono un male necessario?", le ha domandato la giornalista . "Sì, però io ho smesso, di fatto – ha risposto la Ventura – Soprattutto in faccia, adesso basta!". Poi ha confidato un episodio del suo privato avvenuto recentemente: "C’è stato un momento, due anni fa, quando sono andata da Maurizio Costanzo. Quando mi sono guardata mi son messa a piangere. Allora lì ho detto stop”.

Super Simo ha ammesso di essersi rifatta (il viso, in particolare naso e zigomi, sembra aver subito importanti modifiche negli anni). Oggi però non lo rifarebbe: "Non lo rifarei, però allora andava bene. Ho sempre fatto le cose un po’ per ribellione – ha proseguito – In faccia sto recuperando la mia espressività, anche perché non devo fare la modella. Mi piace poter andare avanti, ho recuperato la mia espressività, anche perché voglio avere questa".