Come fare il Taganu d’Aragona.

  • La cucina tradizionale siciliana è ricca di ricette davvero speciali.
  • Ad Aragona, in provincia di Agrigento, si prepara ‘u taganu o tianu.
  • Si tratta di una ricchissima pasta al forno, farcita con ogni ben di Dio: ecco come si prepara.

La cucina siciliana della tradizione ci regala tanti piatti inimitabili. Oggi vogliamo raccontarvene una che si prepara ad Aragona, in provincia di Agrigento, in occasione della Pasqua. Il Taganu di Aragona (Tegame di Aragona o ‘u Taganu o Tianu) è un primo piatto davvero sontuoso. La ricetta deve il nome alle modalità di preparazione: si utilizza, infatti, un contenitore di terracotta e c’è un motivo preciso se lo si fa: ve lo raccontiamo subito.

Anticamente il Tegame di Aragona si preparava in vasi di creta. Tutti gli ingredienti si sigillavano dentro contenitori di creta che, a fine cottura, venivano rotti. Si narra che a ideare la ricetta fu una donna che utilizzò tutto quello che rimaneva nella sua dispensa. Tradizione vuole che tutta la famiglia si riunisca per cucinarlo insieme, nel giorno del Sabato Santo, per mangiarlo nelle giornate di Pasqua o Pasquetta. Se pensate si tratta di una ricetta simile alle lasagne, vi sbagliate di grosso. ‘U Tianu è aromatico, ricco di gusto e anche di sostanza. La carne viene accompagnata da formaggi e uova: non si può dire che sia leggero, ma il sapore è imbattibile. Ecco come si prepara.

Ricetta del Tegame d’Aragona

Ingredienti

  • 600 grammi di mezzemaniche o rigatoni;
  • 1 cipolla;
  • 500 grammi di tritato misto (vitello e maiale);
  • Brodo di pollo;
  • 12 uova;
  • 50 g di caciocavallo grattugiato
  • 50 g di burro
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • 100 g di pangrattato molto fine
  • 500 g di tuma;
  • ½ bicchiere di vino bianco;
  • Sale;
  • Pepe;
  • Un pizzico di cannella;
  • Olio extravergine d’oliva.

Preparazione

  1. Per fare il Taganu d’Aragona, tritate finemente la cipolla e fatela soffriggere in olio d’oliva.
  2. Aggiungete la carne e fatela rosolare bene.
  3. Sfumate con il vino e coprite con brodo caldo.
  4. Aggiungete sale e pepe e un pizzico di cannella.
  5. Coprite con un coperchio e fate cuocere a fuoco lento fino a quando il sugo non si sarà asciugato.
  6. Mettete a bollire l’acqua per la pasta.
  7. Nel frattempo, sbattete le uova con il caciocavallo, condite con sale e pepe e unite mezzo mestolo di brodo. Tenete questo composto da parte.
  8. Quando l’acqua bolle, cuocete la pasta, lasciandola molto al dente.
  9. Aggiungete alla pasta il burro, il parmigiano e metà delle uova con caciocavallo.
  10. Amalgamate bene il tutto.
  11. Imburrate il fondo e le pareti di un tegame di terracotta copriteli con il pangrattato.
  12. Versate nel tegame una parte di pasta, e coprite questo primo strato con un composto di fette di tuma tagliate sottili e uova sbattute.
  13. Formate un altro strato con la carne e ancora uova.
  14. Continuate con gli strati, fino a utilizzare tutti gli ingredienti. Fate attenzione affinché l’ultimo strato sia di tuma.
  15. Completate il tutto versando le uova sbattute che rimangono, così da coprire per bene bordi e gli spazi vuoti.
  16. Preriscaldate il forno a 200° e cuocete a cuocere ‘u taganu fino a quando l’uovo non si sarà abbrustolito. L’impasto deve risultare compatto e asciutto.
  17. Sfornate e fate riposare su una gratella per almeno cinque minuti. Capovolgete il Tegame di Aragona sul piatto da portata.

Buon appetito!

Articoli correlati