Le parole del Presidente della Regione Nello Musumeci. La Sicilia pronta a offrire aiuto ai profughi ucraini costretti a lasciare ogni cosa per fuggire dal conflitto in corso ai confini dell’Europa.

Sicilia pronta a ospitare i profughi Ucraini

«La Sicilia, culla di accoglienza e integrazione, con la generosità di sempre, è pronta a ospitare i profughi ucraini costretti a lasciare ogni cosa per fuggire dal conflitto in corso ai confini dell’Europa». Lo ha detto il Governatore Musumeci, sottolineando la disponibilità della Regione ad aiutare quanti stanno scappando dalla guerra.

Dal momento in cui ha avuto inizio la guerra, tantissime persone hanno dovuto lasciare all’improvviso le loro case, cercando rifugio altrove. «Coopereremo con le nove prefetture dell’Isola per fornire collaborazione e coordinare gli aspetti logistici, assieme alla Protezione civile regionale, per la distribuzione di farmaci e di ogni genere di prima necessità e perché i profughi possano avere tutta l’assistenza di cui necessitano», ha aggiunto Nello Musumeci.

Il Governatore ha concluso auspicando che «Al più presto, quanto sta accadendo in Ucraina abbia soluzione positiva e pacifica». Si moltiplicano, nel frattempo, in tutta Italia e nel mondo le manifestazioni contro la guerra.

In diverse città del nostro Paese si svolgono, anche in queste ore, cortei per mostrare solidarietà al popolo ucraino. Tanti Stati stanno prendendo saldamente una posizione, contro ogni forma di conflitto. La solidarietà si sta mostrando con tante azioni concrete, come raccolte di aiuti da inviare a chi è in difficoltà.

Anche il mondo dello spettacolo si mobilita. La Rappresentante di Lista, attraverso Twitter, ha lanciato la proposta di un grande concerto in supporto della popolazione colpita e dei profughi. L’idea ha ricevuto numerosi consensi.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati