Vampasciuscia… cosa saranno mai?

  • La ricetta siciliana che state per scoprire appartiene alla tradizione ed è davvero deliziosa.
  • Si tratta di un primo piatto condito da ragù e ricotta, un sugo molto ricco.
  • Si chiama “Vampasciuscia al Ragù” per un motivo ben preciso… scopriamolo insieme.

La cucina siciliana offre tante ricette deliziose e, dato che in Sicilia ci piace essere creativi, amiamo scherzare con i nomi dei piatti. In molti casi, infatti, ci sono preparazioni che incuriosiscono anche solo sentendole pronunciare. Si tratta di una sorta di “anteprima” in parole che, prima di deliziare il palato, stuzzica la mente. Prendete, ad esempio, il piatto di cui vi parliamo oggi: i Vampasciuscia al ragù. Una denominazione decisamente particolare, che fa pensare a uno strano abitante del mare. In realtà si tratta di un delizioso primo piatto, condito con un ricco sugo e completato dalla ricotta. La ragione del nome è presto detta: fa riferimento al formato di pasta, la Margherita. Questa ha un bordo ondulato e, un tempo, veniva paragonato alle ali delle farfalle. Esiste proprio il termine dialettale “vampasciuscia” usato come sinonimo di farfalla. Questo piatto è talmente buono che “vola”, cioè sparisce in un attimo.

Ricetta Vampasciuscia al ragù e ricotta

Ingredienti per 4 persone

  •  350 g di pasta margherita
  • 250 g di tritato di maiale
  • 4 nodi di salsiccia
  • Salsa di pomodoro
  • Cipolla
  • Carota
  • Sedano
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • Sale
  • Peperoncino
  • Olio extravergine di oliva
  • Ricotta fresca

Procedimento

  1. Per fare i Vampasciuscia al ragù, dovete anzitutto tritare finemente la cipolla, la carota e il sedano e metteteli a rosolare in una casseruola con l’olio e il peperoncino per qualche minuto. Qualora non vi piacesse, potete non usare il peperoncino.
  2. Aggiungete la carne macinata e la salsiccia a cui avrete tolto il budello, e fate insaporire mescolando per cinque minuti circa.
  3. Bagnate con il vino e quando sarà evaporato, aggiungete la salsa di pomodoro.
  4. Aggiustate di sale e lasciate cuocere a fuoco basso mescolando di tanto in tanto.
  5. Cuocete la pasta e, quando sarà cotta (vi consigliamo al dente) conditela con il vostro ragù e amalgamate bene.
  6. Completate con ricotta fresca.

Buon appetito!

Articoli correlati