Vitti ‘na crozza è una delle canzoni siciliane più amate. La sua melodia è allegra e fa venir voglia di cantare e ballare, ma dietro quelle note si nasconde una storia che in pochi conoscono.

L’autore e la data di compilazione sono anonimi, ma ciò che si sa è che Franco Li Causi compose un testo musicale per adattare il testo e la melodia alla colonna sonora del film “Il cammino della speranza” di Pietro Germi. La versione di Li Causi era un canto di lavoro, lento e cupo, in linea con la cadenza poetica del testo. Lo stesso testo arrivò al musicista da un anziano minatore di Favara.

Questa introduzione è importante, perché il vero significato di Vitti ‘na crozza è legato al mondo delle zolfare, fatto di duro lavoro e sofferenza. Ad approfondire l’argomento è stata Sava Favarò, giornalista e cantante, che ha condotto dieci anni di ricerche. Uno studio attento “per comprendere il vero significato della canzone più popolare e più oltraggiata della tradizione siciliana e che nulla ha da spartire con l’allegro refrain”, spiega.

“Chi ascolta la celebre canzone siciliana Vitti ’na crozza crede che l’allegro motivo sia  una sorta di inno alla vita, ma basta prestare attenzione alle sue parole per rendersi conto che si tratta di altro – scrive Sara Favarò -. Protagonista della canzone è ’na crozza, ossia un teschio. Un teschio che, attraverso il suo racconto, si fa promotore di una forte denuncia sociale, rivolta principalmente contro determinate usanze della Chiesa cattolica di un tempo. La maggior parte delle persone ha sempre ritenuto che il famoso ‘cannuni’ dove si trova il teschio, protagonista della canzone, fosse il pezzo di artiglieria cilindrico utilizzato per fini bellici, e che la canzone si riferisca ad un tragico evento di guerra. Ma così non è!”.

La voce del teschio, dunque, implorerebbe una degna sepoltura e onoranze funebri che possano accompagnarlo nell’aldilà, dopo un’esistenza di stenti, contrassegnata dal duro lavoro.

Vitti ‘na crozza testo originale

Vitti na crozza supra nu cannuni
fui curiuso e ci vossi spiare
idda m’arrispunniu cu gran duluri
murivi senza un tocco di campani

si nni eru si nni eru li me anni
si nni eru si nni eru un sacciu unni
ora ca sugnu vecchio di ottantanni
chiamu la morti i idda m arrispunni

cunzatimi cunzatimi lu me letto
ca di li vermi su manciatu tuttu
si nun lu scuntu cca lume peccatu
lu scuntu allautra vita a chiantu ruttu

c’e’ nu giardinu ammezu di lu mari
tuttu ntssutu di aranci e ciuri
tutti l’acceddi cci vannu a cantari
puru i sireni cci fannu all’amurio