Ricetta e storia dell’Agnello di Favara.

  • Tutto quello che c’è da sapere sul dolce di Pasqua siciliano tipico di Favara (Agrigento).
  • Rispetto al classico agnello a base di pasta di mandorle, questo racchiude una bella sorpresa al pistacchio.
  • L’aspetto è sontuoso, il sapore speciale: ecco come prepararlo.

I dolci siciliani tradizionali non passano mai di moda. Sarà merito dell’aspetto inconfondibile, degli ingredienti rigorosamente di Sicilia o del mix di sapori, ma sta di fatto che continuano a conquistare i palati di tutte le età. In occasione della Pasqua, la nostra isola rispolvera tante ricette davvero deliziose, alcune delle quali molto scenografiche, come l’Agnello di Favara. A differenza del tradizionale agnellino a base di sola pasta di mandorle, questo racchiude una sorpresa: un cuore goloso a base di pistacchio. Proprio in provincia di Agrigento, infatti, cresce un delizioso pistacchio, che fa ottima compagnia all’eccellenza siciliana del pistacchio di Bronte (in provincia di Catania). Volete sapere cosa rende unico l’Agnello che si fa in provincia di Agrigento? Ve lo diciamo subito.

Le origini di questo tipico dolce siciliano si perdono nel tempo. Sarebbe nato dalle abili mani delle monache del Collegio di Maria del quartiere Batia a Favara. Questo è un punto in comune con le pecorelle pasquali di sola pasta reale: entrambi, infatti, derivano da quella pasticceria conventuale che è stata in grado di produrre tantissime specialità che ancora oggi gustiamo. Preparare in casa l’Agnello Pasquale di Favara non è troppo difficile però, naturalmente, richiede tempo e precisione. Vi serve anche un po’ di manualità, ma il risultato vi ripagherà di ogni fatica!

Come fare in casa l’agnello Pasquale di Favara

Ingredienti

Per la pasta di mandorla

  • 1 kg di mandorle pelate;
  • 800 g di zucchero;
  • 200 g di acqua;
  • Vanillina.

Per la pasta di pistacchio

  • 500 g di pistacchi;
  • 400 g di zucchero;
  • 100 g di acqua.

Preparazione

  1. Per fare l’agnello di Favara, dovete anzitutto tritare le mandorle con il mixer. Fate lo stesso con i pistacchi, ottenendo una farina grossolana.
  2. In un pentolino, a fuoco lento, create uno sciroppo con zucchero e acqua, quindi aggiungete la farina di mandorla e la vanillina.
  3. Cuocete, avendo cura di non fare attaccare le mandorle al pentolino: vi basteranno circa 5 minuti.
  4. Mettete la pasta sul piano di lavoro e lavoratela come un impasto.
  5. Fate lo stesso lavoro con il pistacchio.
  6. Ricordate di mettere di lato una parte di pasta di mandorle, perché vi servirà per la decorazione.
  7. Prendete la vostra formina e ricopritela di pellicola trasparente.
  8. Riempite con lo strato di mandorla, lasciando un incavo da riempire con il pistacchio.
  9. Per riempire di pistacchio, capovolgete lo stampo (potete anche svuotarlo un po’ con un cucchiaino).
  10. A questo punto, è il momento di decorare.
  11. Ammorbidite con un po’ di acqua la pasta di mandorle messa di lato.
  12. Utilizzando una sacca da pasticciere, create i riccioli.
  13. Completate con fiori in ostia, un fiocchetto, i confettini argentati e la tipica bandiera.

Buon appetito! – Foto: Luisa Cassarà©

Articoli correlati