Tra gli yacht di lusso che hanno deciso di fare tappa in Sicilia c’è anche il Lady Beatrice. L’imbarcazione si è fermata a Ortigia, alla Marina di Siracusa: è stata costruita nel 1993 e naviga sotto bandiera del Regno Unito.

Lo yacht Lady Beatrice a Siracusa

Sebbene il momento clou della stagione estiva sia ormai terminato, la nostra Isola continua a essere una delle mete più richieste e ambite per le vacanze. Già negli scorsi mesi, non sono mancate le segnalazioni e gli “avvistamenti” di imbarcazioni di lusso e, adesso, arriva una nuova notizia da Siracusa.

Il superyacht Lady Beatrice ha fatto tappa a Ortigia, proprio alla Marina di Siracusa. Si tratta di una imbarcazione di lusso, costruita su misura e consegnata da Feadship/Royal Van Lent nel 1993. Ha una lunghezza di 60 metri e include una coppia di motori diesel Caterpillar.

Secondo quanto riportato da Superyachtfan.com, la velocità massima è di 18 nodi, mentre la velocità di crociera è di 14 nodi. Ha un’autonomia di oltre 4mila miglia nautiche. Per quanto riguarda il design, è stato progettato dagli architetti navali Voogd, mentre gli interni sono firmati da Bannenberg Designs. Ha uno scafo in acciaio, con sovrastruttura in alluminio.

A dargli il nome Lady Beatrice sono stati i proprietari, che lo hanno chiamato così in onore della madre. Il porto di origine sarebbe Monaco. Lo yacht, sempre secondo quanto si apprende online, non è disponibile per il noleggio.

Nel mese di agosto sono state le Isole Eolie a fare da protagoniste tra le scelte dei superyacht. Tra le barche di lusso che le hanno scelte, ad esempio, il Pi, definito dalla rivista Boat International il “migliore yacht del 2020“, o anche il Khalilah, un’imbarcazione da 28 milioni di euro in fibra di carbonio ed alluminio.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati