Come fare i Bucatini ro’ malu tempu.

  • Una ricetta per un primo piatto siciliano della tradizione povera.
  • Si tratta di una preparazione ricca di gusto, a base di alici sott’olio.
  • Ecco a cosa deve il suo nome e come si prepara.

Ci sono piatti della cucina tradizionale siciliana che riescono a stuzzicare la curiosità (e il palato) a partire dal nome. Le ricette della cosiddetta “cucina povera” nascono dalla necessità di aguzzare l’ingegno e saziarsi con quello che c’era a disposizione. Il fatto di doversi arrangiare ha saputo creare veri e propri capolavori che, ancora oggi, sono tra i piatti più amati in Sicilia. Prendete, ad esempio, i Bucatini ro’ malu tempu. Con un nome così, è normale che facciano venire voglia di saperne di più. Questo piatto nasce in un modo molto semplice, che vi raccontiamo subito.

Quando i pescatori non potevano uscire a pescare a causa del cattivo tempo (malu tempu), non avevano disponibilità di pesce fresco. Per questo era necessario arrangiarsi con ciò che avevano a disposizione. In questo modo è nato un perfetto incontro tra alici sott’olio, pasta di acciughe e finocchietto selvatico. Il profumo del mare c’è, il gusto pure. Potete scegliere il formato di pasta che più vi piace, ma vi assicuriamo che i bucatini ci stanno davvero benissimo: ecco come cucinare la Pasta ro’ malu tempu.

Ricetta Bucatini ro’ malu tempu

Ingredienti

  • 200 g  di bucatini;
  • 1 bustina di zafferano;
  • 20 g di filetti di alici sott’olio;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 30 g di pasta di acciughe;
  • 40 g di pinoli;
  • 40 g di uva sultanina;
  • ½ bicchiere di vino bianco;
  • 40 g di pangrattato;
  • 1 mazzetto di finocchietto selvatico;
  • Sale;
  • Olio extravergine di oliva.

Procedimento

  1. Per fare la Pasta ro’ malu tempu, Mettete a bollire in acqua salata un ciuffo del finocchietto e lo zafferano. Ricordate che, poi, cuocerete nella stessa acqua la pasta.
  2. Appena raggiungerà il bollore, levate dall’acqua gli aromi e mettetevi a cuocere nella i bucatini.
  3. A parte, in una padella, tostate il pangrattato con un cucchiaio d’olio e un pizzico di sale.
  4. In un tegame, con un filo d’olio, rosolate la pasta d’acciughe, le alici, l’aglio, i pinoli e l’uvetta. Sfumate il tutto con il vino bianco.
  5. Utilizzate l’altra parte del finocchietto per creare una crema: tagliuzzatelo con un coltello e frullatelo con l’olio.
  6. Quando i bucatini saranno al dente, scolateli e terminate la cottura saltandoli nel tegame con le sarde e un po’ di finocchietto fresco tagliuzzato.
  7. Ultimate il piatto, aggiungendo sopra la crema di finocchietto e il pangrattato tostato.
  8. Servite ben caldo.

Buon appetito! – Foto: Tina Ventinove

Articoli correlati