La Regina dei dolci siciliani in tv

  • Cassata Barocca di Renato Ardovino, la ricetta con ricotta di bufala.
  • La versione del programma “La dolce bottega di Renato“.
  • Ecco come si fa: ingredienti, procedimento e curiosità.

Una regina della pasticceria non ha bisogno di presentazioni, ma noi vogliamo presentarvela lo stesso. La Cassata Siciliana è un vero trionfo di gusto e colore. Scenografica e deliziosa, vanta una tradizione secolare e rappresenta la Trinacria in tutto il mondo. Per rendere omaggio a questo dolce, il pasticciere della tv Renato Ardovino ha deciso di proporre la sua versione della Cassata Barocca. La Sicilia, dunque, è stata protagonista dello show di Real Time “La dolce bottega di Renato”.

La versione proposta da Ardovino ha alcune piccole modifiche, che si fanno notare al palato. Viene utilizzata la ricotta di bufala di Battipaglia. Un prodotto che il pasticciere conosce bene, perché è proprio di quelle parti. Viene anche usato, per la bagna, un liquore di Benevento. Per il resto, non ci sono grandi differenze e l’effetto scenografico è davvero strepitoso. Vediamo subito come procedere: alla fine della ricetta, trovate anche il VIDEO completo. Vi ricordiamo di far scolare bene la ricotta, lasciandola in frigo per almeno una notte, in un setaccio o in un colapasta.

Cassata Barocca, la ricetta di Renato Ardovino

La Cassata di Renato Ardovino

Ricetta Cassata Barocca di Renato

Ingredienti

Per il pan di Spagna

  • 180 g farina 00;
  • 140 g zucchero;
  • 5 uova intere.

Per la farcitura

  • 200 g zucchero a velo;
  • 700 g ricotta di bufala;
  • 50 g scaglie di cioccolato fondente.

Per la bagna

  • 200 ml acqua;
  • 70 g zucchero;
  • Liquore di Benevento.

Per la glassa a freddo e la decorazione

  • 350 g zucchero a velo;
  • Acqua gasata;
  • 1 cucchiaino di succo di limone;
  • 400 g marzapane;
  • Frutta candita.

Procedimento

  1. Per fare la Cassata Barocca, iniziamo dal Pan di Spagna.
  2. Montiamo con le fruste le uova intere insieme allo zucchero, per circa 10-15 minuti. Bisogna ottenere un composto montato e ben fermo.
  3. Incorporiamo la farina setacciata, mescolando delicatamente con una spatola.
  4. Trasferiamo l’impasto in una tortiera imburrata ed infarinata.
  5. Cuociamo in forno caldo e statico a 160° per 25-30 minuti, senza mai aprire il forno.
  6. Passiamo alla crema.
  7. Setacciamo la ricotta, che dev’essere ben asciutta, quindi uniamo lo zucchero a velo e mescoliamo.
  8. Lasciamo riposare in frigorifero per qualche ora.
  9. Per la bagna, facciamo bollire per un paio di minuti l’acqua e lo zucchero.
  10. Spegniamo, lasciamo intiepidire, quindi aggiungiamo un po’ di liquore per aromatizzare (questo passaggio è a discrezione).
  11. Adesso tocca alla glassa.
  12. Mettiamo lo zucchero a velo in una ciotola, aggiungiamo un cucchiaino di succo di limone e cominciamo a mescolare, aggiungendo l’acqua fredda qualche goccia per volta, fino ad ottenere la giusta consistenza.
  13. Tagliamo il pan di Spagna a fettine spesse circa mezzo centimetro.
  14. Con queste ultime, foderiamo una tortiera (fondo e lati) dalle pareti svasate del diametro di circa 24 cm.
  15. Inumidiamo il pan di Spagna con la bagna, quindi farciamo con la crema di ricotta e le scaglie di cioccolato fondente fino a raggiungere il bordo dello stampo.
  16. Rivestiamo la crema con altre fette di pan di Spagna, che andremo a inumidire con la bagna.
  17. Copriamo con un vassoio, pressiamo, capovolgiamo la torta e mettiamo in frigo per qualche ora.
  18. Sformiamo la torta, capovolgendola.
  19. Foderiamo i bordi con il marzapane steso ad uno spessore di 2-3 mm circa.
  20. Copriamo la superficie con decori e ghirigori di glassa a freddo.
  21. Decoriamo con la frutta candita.
  22. Il dolce è pronto! Ecco il video passo dopo passo.

Video Cassata di Renato

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati