Un ragazzino di 13 anni è morto a Catania, dopo essersi lanciato dal balcone di casa, un quinto piano nella periferia della città. La vicenda è avvenuta ieri pomeriggio. Secondo le prime ricostruzioni il giovane, che frequentava la terza media, sarebbe stato rimproverato dai genitori per i brutti voti presi a scuola.

Avrebbe avuto un confronto con il padre e la madre dopo pranzo, quindi si sarebbe chiuso nella sua stanza e si sarebbe lasciato cadere nel vuoto.

Nessuna delle persone presenti in casa si è accorta di nulla: solo quando la gente in strada ha urlato, è diventato chiaro ciò che era accaduto. Subito sono stati allertati i soccorsi, ma la corsa verso l’ospedale Garibaldi di Catania è stata inutile. Sul posto è intervenuta la polizia, per fare tutti gli accertamenti di rito.

Quanto è accaduto ha scosso profondamente l’intera comunità, che si è stretta intorno alla famiglia della giovane vittima.