Il cocktail che unisce Sicilia e Giappone.

  • Il bartender siciliano Christian Costantino ha vinto la Roku Shun Competition 2021.
  • Ha trionfato il il drink O’Tama Tokyo/Palermo, che unisce mondi distanti, ma anche vicini.
  • Gin giapponese e ingredienti siciliani: ecco come si prepara.

L’eccellenza siciliana supera i confini e unisce mondi apparentemente diversi. Christian Costantino, head bartender del Marina Del Nettuno Lounge Bar di Messina, ha vinto la Roku Shun Competition 2021 con un drink che avvicina Sicilia e Giappone. Si chiama O’Tama Tokyo/Palermo e ha conquistato la giuria: si prepara con un gin giapponese, il Roku, e ingredienti siciliano come i fiori di acetosella (chiamati “sucameli”), la gassosa e gli asparagi del territorio. Il tutto trae origine da una bellissima storia d’amore del diciannovesimo secolo – ovviamente ambientata in Sicilia. Ecco tutti i dettagli.

L’ispirazione del cocktail di Christian Costantino

Si narra che nel 1878, durante la primavera, in un paesino giapponese nei pressi di Tokyo, lo scultore siciliano Vincenzo Ragusa rimase colpito dalla bellezza di una ragazza che dipingeva all’aperto. Quella ragazza era la 17enne O’Tama, che, in giardino, dipingeva un ventaglio. Ragusa trovò il coraggio per esternare il proprio amore e le propose di ritrarre soggetti più realistici. Portò nel giardino anatre, cigni, pesci d’acqua dolce e caprifogli. Quando dovette fare ritorno a Palermo, lei lo seguì in nome dell’amore e dell’arte. Nacque così un bellissimo connubio tra scultura siciliana e pittura giapponese. Il drink O’Tama Tokyo/Palermo di Christian Costantino racconta proprio questa storia d’amore. Vediamo come si prepara.

Come fare il drink O’Tama Tokyo/Palermo

Il drink O’Tama Tokyo/Palermo si prepara con 40 ml di Roku Gin, 40 ml di Cordiale di Primavera homemade, sale e della gassosa siciliana. Per preparare il Cordiale di Primavera bisogna portare a ebollizione 350 ml di acqua, aggiungere 80 gr di asparagi e lasciare a bollire per 10 minuti. Si spegne il fuoco, si aggiungono del tè Jasmine Green, dei fiori sucameli, 40 ml di miele di ciliegio e 10 ml di aceto di mele. Il tutto si lascia in infusione per 5 minuti e si filtra. Con la tecnica del build on ice, si versano il Roku Gin, il cordiale e la gassosa direttamente nel bicchiere con del ghiaccio, quindi si aggiunge un pizzico di sale, si miscela e si serve con guarnizione di skeleton leaves. Come accompagnamento al drink vengono serviti gli asparagi usati nella preparazione del cordiale, ancora bagnati di tè, aceto di mele e miele, saltati in padella con aglio, mollica e mandorle, serviti croccanti e decorati da foglie di fiori Sucameli.

Articoli correlati