Come si fa il cous cous trapanese?

  • Ci fermiamo a San Vito Lo Capo per scoprire i segreti di un piatto tipico del Trapanese.
  • In quest’area c’è una grande tradizione, quando si parla di couscous.
  • La signora Anna, in un video, mostra come realizzarlo, passo dopo passo.

La cucina siciliana della tradizione è uno spettacolo per gli occhi e per il palato. Da una generazione all’altra, si tramandano le ricette più buone e si mantengono vivi i sapori autentici di un tempo. Tra i piatti più apprezzati del Trapanese, c’è sicuramente il cous cous. Una pietanza che, come è noto, non ha origini siciliane, ma che sull’isola ha trovato una splendida casa. Vi mostriamo un video davvero interessante, girato dal canale YouTube Pasta Grannies. La protagonista è la signora Anna, che prepara un perfetto cous cous trapanese. Il primo passo, naturalmente, è l’acquisto del pesce fresco, che si basa su ciò che è stato pescato. Si tratta di pesci saporiti, che serviranno a cucinare il brodo, ma anche ad accompagnare la pietanza. Come da tradizione, il couscous viene “incocciato”, quindi viene fatto cuocere nell’apposita couscoussiera. Viene condito con cipolla, prezzemolo, pepe, mandorle, sale, olio e alloro. C’è anche la cannella.

Per la cottura, le due pentole in terracotta vengono “sigillate” con della pasta di pane. La stessa pasta viene impiegata per fare dei piccoli “cuddureddi” da mettere sopra il couscous mentre cuoce. La signora Anna ai fornelli è davvero abile. Il piatto, minuto dopo minuto, prende vita e il risultato finale sembra delizioso. Il procedimento, naturalmente, è abbastanza lungo, ma d’altronde è ciò che serve per il piatto. Il pesce viene fatto cuocere insieme al concentrato di pomodoro e la cipolla. Il brodo va filtrato, perché potrebbe esserci ancora qualche spina. Il piatto pronto è davvero scenografico: il cous cous trapanese di pesce è una vera prelibatezza.

 

Articoli correlati