Parlare di pesce siciliano significa approfondire una pagina della tradizione gastronomica dell’isola, ma non solo. La Sicilia è una terra di mare e, da sempre, ha raccolto i suoi doni, creando meravigliose ricette. Gli abitanti delle coste, in particolare, basavano la loro alimentazione sul pesce. In tutto il territorio, questo alimento è sempre stato presente, in un modo o nell’altro, in tavola. Si impiega, fresco, nei primi e nei secondi piatti, ma si utilizza anche come conserva o antipasto, come ad esempio le acciughe sotto sale. Lo si acquista generalmente nei mercati – storici e non – e, rimanendo in tema, non possiamo non citare la celebre Pescheria di Catania, un celebre mercato storico.

Pesce Siciliano, crostacei e molluschi

Ricco di Omega 3, il pesce è un alimento nutriente. Un tempo, tra le famiglie più povere e spesso per intere popolazioni, rappresentava quasi l’unica fonte di alimentazione, oltre al pane e alle verdure. Le varietà di pesce più frequenti nei mari della Sicilia sono: acciuga (angiova o masculino); lampuga (capune o lampuca); scorfano rosso (cipudda), gallinella (faciano); nasello (mirluzzu); cefalo (mulettu); pesce martello (magnusa); pesce San Pietro (pisci San Petru); pesce spada (pisci spata); polpo (purpu); sardina (sardi); tonno (tunnu); alalunga (alalonga); leccia; sarago (saracu); triglia (trigghia) e molte altre specie. In Sicilia si trova su larga scala il pesce azzurro, dal caratteristico colore blu argenteo o un po’ verde. Come crostacei e molluschi i più presenti sono le cozze; le vongole, i ricci di mare; lo scampo; i granchi; i gamberetti e i gamberoni (ben noti sono i gamberi di Mazara del Vallo) e poi ancora le capesante; i calamari (cucinati in svariati modi); la seppia; i caratteristici vuccuna (murici). Infine menzione merita il pesce d’acqua dolce; la trota siciliana, chiamata trota sarda ma che cresce anche in alcune zone della Sicilia sud-orientale e si sta cercando di estenderne l’allevamento siciliano. Tra le specie marine siciliane tre hanno ottenuto un marchio distintivo per la loro qualità e presenza: Il gambero rosso di Mazara (DOP); alaccia salata di Lampedusa (Slow Food); masculina da magghia (Slow Food);

Articoli correlati