Le multinazionali tedesche Bosch e Siemens, che formano una joint venture per la fabbricazione di elettrodomestici, hanno deciso di richiamare volontariamente alcuni modelli di cucine a gas da libera installazione, prodotte tra gennaio 2009 e ottobre 2011. Il problema è legato a un danneggiamento dei connettori del gas all'interno dell'elettrodomestico, che potrebbe determinare una fuoriuscita del gas e, in rari casi, anche l'esplosione della cucina.

Per scoprire se la cucina che si ha in casa corrisponde a uno dei modelli in questione occorre annotare il codice prodotto modello (indicato con E-Nr) e il numero di lotto a quattro cifre (indicato con FD), che sono riportati sull'etichetta dell'elettrodomestico e comunicarli al produttore compilando il form pubblicato su un apposito sito internet (clicca qui).

Nel caso in cui la cucina segnalata dovesse figurare tra quelle oggetto del richiamo, il produttore provvederà gratuitamente alla sostituzione del connettore, mandando a casa del cliente un tecnico autorizzato.

"Per evitare qualsiasi rischio potenziale – fanno sapere Bosch e Siemens – i proprietari di un elettrodomestico coinvolto devono chiudere immediatamente il rubinetto del gas di alimentazione e non utilizzarlo più fino a quando il connettore del gas non sarà stato sostituito".