Il caldo record di questi giorni mette a dura prova il corpo e lo spirito. Nei giorni in cui la colonnina di mercurio sale, siamo più litigiosi, stressati e irritabili. Capita di perdere il controllo con più facilità, si affronta la giornata con meno sprint, si corre il rischio di avere poco autocontrollo.

La conferma del fatto che il caldo africano sia fonte di stress arriva anche dagli esperti: abbiamo una ridotta capacità di controllo rispetto agli stimoli ambientali negativi e siamo più inclini ad avere comportamenti aggressivi ed impulsivi.

Il cervello, in condizioni estreme, si affatica facilmente. L’aumento delle temperature, l’elevato tasso di umidità e l’esposizione alla luce metto alla prova l’equilibrio psicofisico, oltre ad avere un’influenza negativa su sonno, appetito e concentrazione. Anche sul lavoro le nostre prestazioni ne risentono, così come i buoni rapporti con colleghi e superiori.

A livello neurobiologico, l’afa colpisce le cellule cerebrali, alterando i livelli di minerali e tutte le sintomatologie e essa connesso possono sviluppare sensazioni di allarme e pericolo. Queste, se non gestite, portano a comportamenti di controllo ed evitamento che, nell’illusione di sentirci protetti, al contrario ci fanno sentire fragili e minacciati. Questa sensazione può portare a fobie, paure e reazioni aggressive.

Cosa fare, dunque? Ecco cinque consigli per essere meno stressati:

  1. Fate un piano delle attività giornaliere, in modo da ottimizzare le energie.
  2. Non caricatevi di impegni oltre le vostre possibilità fisiche e mentali.
  3. Bevete molta acqua e non disidratatevi.
  4. Dormite in un ambiente tranquillo e assicuratevi di riposare bene.
  5. Evitate di assumere alimenti e bevande eccitanti.