Fiorello, da buon siciliano doc, non dimentica l’importanza del 13 dicembre e del giorno di Santa Lucia. Il mitico showman, durante la puntata di Viva Rai2, ha raccontato con ironia le tradizioni palermitane, ma ha anche dato spazio all’importante questione del caro-voli, che attanaglia la Sicilia soprattutto durante le festività.

Fiorello, Santa Lucia e il caro voli

Con la sua inconfondibile verve, il mitico Rosario accompagna ogni giorni di tanti telespettatori: il suo Viva Rai2 è un appuntamento seguitissimo, che conferma l’affetto del pubblico nei confronti di questa artista.

Fiorello , da buon siciliano, non poteva non fare accenno all’importanza del 13 dicembre, una data molto sentita in diverse parti della nostra isola e, in particolar modo, a Palermo. Qui, per la Festa di Santa Lucia, trionfano le arancine (con i due grandi classici, al burro e alla carne).

“A Palermo – ha raccontato lo showman – il 13 dicembre c’è una specie di isteria collettiva. Una volta sono andato a fare uno spettacolo in quei giorni: a Palermo friggono tutto! C’è gente che frigge il compensato e prova a mangiarlo”.

Manciati cca, pigghiati n’ararancina! Un applauso agli amici di Palermo, già a quest’ora stanno friggendo il caffè, si fanno i cappuccini fritti“, ha detto ancora con ironia il mitico Fiorello.

Subito dopo, rimanendo in tema “Sicilia“, Rosario ha tirato in ballo un argomento che, sempre in questi giorni, è al centro del dibattito: il caro voli. Un vero e proprio paradosso, titolano i giornali, perché costa meno andare a New York, che raggiungere la nostra Isola.

Fiorello ha lanciato un vero e proprio appello, affinché si intervenga davvero: “Il Teatro Massimo di Palermo, adesso, è il Massimo City Garden (con un gioco di parole dal celebre Madison Square Garden della Grande Mela, ndr). Amici, noi siciliani siamo tutti fuori e abbiamo bisogno di tornare nella nostra terra e sentire il profumo della zagara!” spiega il conduttore.

Prendere l’aereo, ha sottolineato Rosario, è una necessità, perché arrivare in treno è un problema: “Parti da minorenne, arrivi già all’età della pensione”. Quindi la conclusione: “Non puoi spendere 600 euro per un volo. Fate qualcosa, fate qualcosa! Mi raccomando, controllate e vigilate, c’è qualcosa che non ci torna. 600 euro? Non è possibile”.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati