Foca monaca alle Isole Eolie, l’avvistamento eccezionale da parte di un barcaiolo di Stromboli e alcuni turisti, nei pressi dell’isolotto di Strombolicchio. L’esemplare nuotava a pelo d’acqua al momento dell’avvistamento e, in un primo momento, si pensava potesse essere un delfino.

La foca monaca alle Isole Eolie

Un esemplare di foca monaca (bue marino) è stato visto nuotare a pelo d’acqua nel mare delle Isole Eolie: un barcaiolo e alcuni turisti, con grande sorpresa, l’hanno potuto ammirare nei pressi dell’isolotto di Strombolicchio. In un primo momento sembrava fosse un delfino, poi, quando dall’acqua è emerso il capo, sono bastati pochi secondi per scoprire la vera identità.

Si tratta di un mammifero acquatico molto raro, che rientra nella categoria delle specie dichiarate a rischio estinzione. Il mare siciliano è spesso meta di esemplari più o meno rari: soltanto pochi giorni fa, vi abbiamo raccontato della presenza di numerosi capidogli.

Anche a Panarea c’è stato un altro avvistamento, ma non è chiaro se si tratti dello stesso esemplare di Stromboli. L’ultimo avvistamento di una foca monaca certificato nel mare eoliano, è stato a Salina, nell’ottobre del 2000. La foca monaca, specie a Filicudi, era presente in passato con diversi esemplari.

Un avvistamento eccezionale

L’Associazione Filicudi Wildlife Conservation, che si occupa della salvaguardia e di cetacei e tartarughe marine nelle Isole Eolie, attraverso i social ha confermato che l’avvistamento di foca monaca è un “evento eccezionale”, anzitutto per le rare immagini che la riprendono a galla e poi in immersione, poiché è solitamente molto diffidente.

A rendere ancora più speciale l’evento, il fatto che sia una delle specie più minacciate del mondo, con 400-5000 individui residui tra Grecia, Turchia e un piccolo tratto di costa atlantica, tra il Marocco e la Mauritania.

Dichiarata a rischio estinzione nel 1978, per fortuna resiste ancora in diverse aree del Mediterraneo, con individui solitari o coppie mamme-piccolo. Dato che il numero di individui risulta molto sottostimato, la rete di segnalazioni e avvistamenti è fondamentale per mappare la distribuzione e identificare gli hot spot di presenza della specie.

“La creazione di aree marine protette – spiega Filicudi Wild life Conservation – è l’unica vera soluzione per fermare la drastica riduzione di individui di foca monaca nel Mediterraneo e sperare di potere avere colonie di foca riproduttive, perché no anche in Italia. Che questo avvistamento sia il trampolino di lancio per ricominciare a parlare di area marina protetta alle Isole Eolie”.

Video

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia